Banner alto

Banner alto

128 giorni alla Marcialonga, 45ᵃ edizione di scena il 28 gennaio 2018

Condividi su:

128 giorni separano gli appassionati di sci di fondo dalla storica Marcialonga del 28 gennaio prossimo: sarà la 45ª edizione. Le cime incantate delle valli trentine di Fiemme e Fassa hanno scorto i primi fiocchi di neve, segno che l’inverno e la Marcialonga si stanno avvicinando. I mezzi di produzione neve sono pronti ad essere sfoderati dal comitato organizzatore, assieme ai nuovi cannoni silenziati Demaclenko che non disturberanno la quiete fiemmese e fassana e produrranno un’eccellente qualità di neve; basterà attendere un abbassamento ulteriore delle temperature per assistere alla creazione della pista innevata, con un occhio di riguardo nei confronti della sostenibilità ambientale.

newspower

La preparazione a secco dei fondisti è in continua evoluzione e, nel caso in cui si necessitasse di un aiuto tecnico, si potranno ascoltare i consigli della rubrica Marcialonga: «Quando pratichi uno sport concentrati sull’esecuzione del gesto tecnico», sostiene Andrea Zattoni, tecnico del Gs Fiamme Gialle, ricordando agli sportivi di bere correttamente durante l’attività fisica, con un consiglio su quale pratica sportiva sia meglio effettuare: «Per rafforzare i muscoli centrali del tuo corpo e favorire così i tuoi movimenti, l’elasticità e il controllo, consigliamo di praticare il pilates», afferma Denise Dellagiacoma, insegnante di pilates e yoga. La motivazione è una componente fondamentale: «La motivazione è condizione essenziale per praticare uno sport e partecipare ad una gara», conclude Nicola Delladio, psicologo e psicoterapeuta.

Questo è solo un assaggio di come si debba affrontare al meglio la propria pratica sportiva, mentre, per quanto riguarda i progetti speciali, il team Marcialonga sta lavorando alacremente su vari aspetti della manifestazione, fornendo novità e cercando di perfezionare un’organizzazione che già si presenta in maniera eccelsa. La Marcialonga è appena dietro la mitica Vasaloppet per notorietà, ma forse la prima al mondo in quanto ad affezione: come accade annualmente, sono bastati pochi istanti per “bruciare” i pettorali a disposizione ed arrivare a raggiungere il tetto massimo di 7500 iscritti, con una miriade di fondisti pronti a “scendere” in terra trentina.

La partenza della ski marathon avverrà come sempre dalla “Fata delle Dolomiti”, Moena, per arrivare, come nel caso della scorsa Marcialonga Running Coop, a Cavalese. Non mancheranno neppure le sempreverdi “Light”, “Baby”, “Mini”, “Young”, “Stars” e “Story”, con la prima ad essere versione ridotta della Marcialonga tradizionale, le tre successive dedicate ai giovani, la penultima ai vip che daranno il proprio sostegno per raccogliere fondi a scopo benefico, e l’ultima a compiere un vero e proprio salto nel tempo con gli sci da fondo.