Banner alto

Banner alto

Dolomyths Run svela le date del 2019 ed entra nel circuito Golden Trail Series

Condividi su:

Sono state fissate le date ufficiali dell’evento Dolomyths Run 2019, la dieci giorni outdoor dedicata alla corsa in quota, che ogni estate va in scena sulle Dolomiti di Fassa, in Trentino.

DoloMyths Run Skyrace, il norvegese Stian Angermund Vik | foto Elvis Piazzi, Ralf Brunel, Alice Russolo, Mattia Rizzi

La manifestazione, che in ventidue anni ha ottenuto importanti validità, si svolgerà secondo lo stesso format dell’ultima edizione, ma presenta una novità eclatante.

Il programma posiziona la Sellaronda Ultra Trail sabato 13 luglio, quest’anno con partenza e arrivo a Colfosco, quindi il Vertical Kilometer sulla Crepa Neigra venerdì 19 luglio e il gran finale, la competizione sky, sull’affascinante percorso che transita per Forcella Pordoi, Piz Boè e Val Lasties domenica 21 luglio.

E proprio la gara regina del trittico trentino è stata inserita nelle Golden Trail Series, il prestigioso circuito internazionale che raccoglie gli eventi di fama mondiale come la francese Marathon du Mont Blanc, la spagnola Zegama Aizkorri, la statunitense Pikes Peak, la svizzera Sierre Zinal e la scozzese Ring of Steall.

La DoloMyths Run prosegue dunque il proprio straordinario percorso di crescita, consacrandosi come una delle gare più importanti al mondo, merito senza dubbio dello scenario incantevole che solo le Dolomiti sono in grado di offrire, ma anche delle capacità organizzative di un team dinamico e intraprendente come quello coordinato da Diego Salvador.

La competizione fassana sarà la terza tappa delle Golden Trail Series e si svilupperà sul tradizionale tracciato di 22 km, dei quali 10 di salita e 12 di discesa, con un dislivello positivo di 1.950 metri, partenza e arrivo ai 1.450 metri di Canazei e quota massima ai 3.152 del Piz Boè.

La macchina organizzativa è dunque già all’opera per garantire un’edizione dagli elevati contenuti tecnici, con tante iniziative nuove in fase di studio, che verranno proposte il prossimo luglio, trasformando la Val di Fassa nella capitale italiana della corsa in quota.