Banner alto

Banner alto

Esino Skyrace nel segno di Danilo Brambilla e Cecilia Pedroni

Condividi su:

Affermazione di Danilo Brambilla e Cecilia Pedroni nella long. Nella 17 km ok Luca Rota e Martina Brambilla. Così la Esino Skyrace 2018.

foto credit organizzazione Esino Skyrace

Domenica 20 maggio. Due le gare di skyrunning in programma per l’edizione 2018 della Esino skyrace, manifestazione lariana; la gara più impegnativa presentava un dislivello totale di 4.000 metri con una lunghezza di 25 km mentre la più breve aveva uno sviluppo 17 km per 850 metri di dislivello positivo. Gli atleti classificati sulla long sono stati 92 mentre sulla corta 59. Le due corse hanno avuto come scenario il massiccio della Grigna con vista sul lago di Lecco.

La lunga ha incoronato due top runner di livello nazionale, nel settore donne Cecilia Pedroni team Valetudo Serim ha nuovamente alzato le braccia al cielo a Esino con il crono vincente di 3h24’02”, argento per Pensa Patrizia polisportiva Besanese tempo 3h44’09” e bronzo per Baykova Yulia team Vibram 3h47’39”.

La Pedroni leader delle Italy Series domenica prossima sarà alla maratona alpina di Zegama (Paesi Baschi, Spagna), prova valida per le World Series Isf e per il circuito Gold di Salomon.

Nella 25 km maschile successo per il falco Danilo Brambilla, anche questo runner sarà in lizza per un posto tra i top nella classifica di Zegama, Danilo ha trionfato con il tempo finale di 2h42’04”, al secondo posto Sala Moreno team Gsa Cometa 2h46’36”, bronzo per il bergamasco Valetudo Serim Poli Paolo 2h47’14”. Lorenzo Beltrami e Adriano Ticozzelli completano la top five.

Nella 17 km vittoria per il bergamasco Valetudo Serim Luca Rota in 1h20’17” secondo e terzo a pari merito Turrisi Simone e Maggi Andrea Gsa Cometa 1h23’19”. Nella gara in rosa vittoria per Martina Brambilla Vam Race 1h31’39” (nona assoluta); dietro alla sorella del vincitore della 25 km è arrivata Del Bravo Costanza 1h43’20” e sull’ultimo gradino del podio è salita Pagnoncelli Valentina team Canto di Corsa 1h57’39”.

Giorgio V-S