Banner alto

Banner alto

Il Lombardia: lo start dell’edizione 112 avverrà nel cuore della Città dei Mille

Condividi su:

Presentata a Como l’edizione numero 112 de Il Lombardia, l’ultima classica della stagione, che prenderà il via da Bergamo sabato 13 ottobre. Sono 241 i chilometri da percorrere dal cuore della Città dei Mille sino alla linea d’arrivo sulle rive del lago di Como. Come per la scorsa edizione, il percorso attraverserà per oltre 100 chilometri il territorio bergamasco, con il Colle Gallo, primo Gran Premio della Montagna, intitolato alla memoria di Don Aldo Nicoli.

Presenti alla conferenza, in rappresentanza della città di Bergamo, Francesco Alleva, portavoce del Sindaco, e Giovanni Bettineschi, presidente di Promoeventi Sport che, insieme al comitato locale di Como, supporta RCS Sport nell’organizzazione della gara.

Sabato 13 ottobre 2018, questa la data in cui andrà in scena uno degli appuntamenti clou del ciclismo su strada: Il Lombardia. La gara “delle foglie morte”, organizzata da RCS Sport, partirà dal cuore di Bergamo, e oggi, proprio a un mese di distanza dalla competizione, è stata presentata a Como la 112° edizione.

Alla presenza delle autorità e degli organizzatori di RCS Sport anche Francesco Alleva, portavoce del Sindaco del Comune di Bergamo, e Giovanni Bettineschi, presidente di Promoeventi Sport che dal 2004 è a fianco di RCS Sport nell’organizzazione degli eventi del gruppo milanese.

Con l’edizione 2018 diventano cinque gli appuntamenti de Il Lombardia in cui le due città si trovano direttamente coinvolte, alternando le sedi di partenza e arrivo, risultato di un accordo tra RCS Sport, Promoeventi Sport e il comitato locale comasco.

«Questo è il quinto anno consecutivo in cui Bergamo avrà un ruolo significativo per Il Lombardia: come lo scorso anno la gara prenderà il via da Bergamo, città che è da sempre culla del ciclismo professionistico del nostro Paese – ha sottolineato Francesco Alleva – ed è proprio per questo che sentiamo con tanto orgoglio il Lombardia».

Prosegue il lavoro organizzativo anche da parte di Promoeventi Sport, l’associazione partner di RCS Sport per gli eventi ciclistici in terra bergamasca: «Siamo entusiasti di dare il nostro contributo all’organizzazione de Il Lombardia e riteniamo che questa sia un’ulteriore occasione per rafforzare il rapporto già solido tra i bergamaschi e il ciclismo – ha concluso Giovanni Bettineschi – desideriamo continuare a regalare emozioni ai tanti bergamaschi amanti del ciclismo: le premesse, perché l’accordo con RCS e con gli amici di Como venga rinnovato, ci sono tutte».

Il percorso de Il Lombardia ricalca quello dell’edizione 2017, conclusasi con la vittoria di Vincenzo Nibali. Dopo la partenza dal centro della Città dei Mille, i corridori pedaleranno per circa 40 chilometri lungo un tratto pianeggiante fino a raggiungere la Val Cavallina. All’altezza di Casazza affronteranno la prima salita di giornata, il Colle Gallo, già percorso più volte nelle passate edizioni de Il Lombardia e del Giro d’Italia.

Un premio speciale, messo a disposizione dall’associazione “Insieme con Don Aldo”, verrà dato al primo che scollinerà sul Gran Premio della Montagna, intitolato alla memoria di Don Aldo Nicoli – nato a Gaverina Terme e che ha fortemente voluto il restauro del Santuario Madonna dei ciclisti.

LA SICUREZZA NEL TRATTO BERGAMASCO DI GARA

Saranno un centinaio i chilometri che i 175 ciclisti professionisti percorreranno nella provincia bergamasca, e per garantire la massima sicurezza alla manifestazione, si è svolta ieri mattina una prima riunione di coordinamento tra le forze di polizia territoriali e gli organizzatori.

A presiedere l’incontro il viceprefetto Antonio Naccari che ha dato il benvenuto ai rappresentanti dell’organizzazione: Lino Ferrari e Maurizio Molinari di RCS Sport e Giovanni Bettineschi.

Argomento centrale della riunione la sicurezza stradale dei corridori e di tutta la manifestazione, con particolare cura ai tratti stradali con innesti da vie laterali che andranno presidiate dalle forze di Polizia Locale e, in quei comuni non in grado di coprire autonomamente i tratti di propria competenza, è previsto il contributo delle forze di polizia come Carabinieri, Polizia di Stato e Guardia di Finanza.

«Si tratta di bloccare la circolazione per un breve periodo tra i 15 minuti e la mezz’ora prima del passaggio dei concorrenti – ha sottolineato Bettineschi – creando il minor disagio al traffico veicolare e, allo stesso tempo, garantire l’incolumità di tutti coloro che sono coinvolti nel Lombardia».

Massima disponibilità in tal senso è stata dimostrata dalle autorità presenti, tra cui il comandante Mirella Pontiggia della Polizia Stradale, Andrea Sandroni (Dirigente Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico Polizia di Stato), dall’ufficiale dei Carabinieri Giuseppe Regina, dal Maresciallo Salvatore Guglielmo della Guardia di Finanza, da Massimiliano Rizzi (viabilità) e Laura Corno (Protezione Civile) della Provincia di Bergamo, dal dirigente Anas Toni Pappacoda, da Ivan Togni di Azienda Regionale Emergenza Urgenza, da Claudio Mologni della FCI Bergamo, a cui vanno aggiunti numerosi rappresentanti della Polizia Locale dei comuni bergamaschi attraversati dalla corsa.

Il via della 112° edizione de Il Lombardia avverrà il 13 ottobre alle ore 10.30 dalla Città dei Mille, giornata in cui, come ha ricordato Antonio Bonasio della Polizia Locale di Bergamo, ci sarà la concomitanza di due manifestazioni come Mercatanti e Bergamo Scienza, oltre naturalmente alla apertura delle scuole.