Banner alto

Banner alto

Limone Extreme: si prospetta una 8ª edizione da record

Condividi su:

LIMONE EXTREME – MIGU RUN SKYRUNNER WORLD SERIES FINAL

Il gotha mondiale della specialità, pettorali verso il sold out con guest star d’eccezione l’ultra runner americano Anton Krupicka. Tre gare, una location magica e una grande festa finale sono il mix vincente di un evento che piace. Le date da segnarsi in agenda sono venerdì 12 e sabato 13 ottobre.

Limone Extreme da sold out. Raggiunto il tetto massimo di 600 concorrenti, il comitato organizzatore ha messo in palio altri 100 pettorali per assecondare le numerose richieste giunte alla segreteria. Pochi i numeri ancora disposizione pure sulla vertical by night di venerdì 12, mentre apertissime sono le iscrizioni sulla 10k. In quest’ultima prova tantissime le “quote rosa” grazie la progetto #donnaforskyrace che punta ad avvicinare sempre più donne al mondo delle corse a fil di cielo.

A una settimana dall’evento gli atleti accreditati sono più di 1000. E ancora una volta le montagne dell’Alto Garda diventeranno “l’ombelico del mondo” dello skyrunning visto che le nazioni attualmente rappresentate sono già 36.
Sei volte consecutive finale di Migu Run Skyrunner World Series, la bella kermesse ai confini tra Lombardia e Trentino prevede una due giorni a dir poco intensa. Si partirà venerdì 12 con la spettacolare gara by night. 3700 m di sviluppo, una verticalissima ascesa di 1100 m con frontali accese, due batterie con start alle 17.00/18.00 (élite) sono le caratteristiche del vertical più extreme al mondo.

Difficile, difficilissimo azzardare un pronostico vista la super sfida Italia – Svizzera tra gli scialpinisti Damiano Lenzi, Davide Magnini, Nadir Maguet, Remi Bonnet e Martin Anthamatten. A rimescolare le carte in tavola ci penseranno Hannes Perkmann, Petter Engdahl e Luka Kovacic.

Al femminile donna da battere sarà ancora una volta la francese Christel Dewalle, ma questa volta dovrà fare i conti con la svizzera Victoria Kreuzer e l’italiana Alba De Silvestro.

Sabato mattina il lungo week end griffato Dynafit, prevede alle ore 9.00 la partenza della 10 K (970 m D+), mentre alle 11.00 il catalano Kilian Jornet guiderà il gran galà dello skyrunning mondiale su un durissimo percorso vista lago da 29 km (2500 D+). Da questa adrenalinica sfida usciranno re e regina dell’estate 2018.

In lizza per il primo posto oltre alla stella del Team Salomon vi saranno il recordman della gara Marco De Gasperi e il giovane spagnolo Jan Margarit. Attenzione poi agli svizzeri Remì Bonnet, Martin Anthamatten, Pascal Egli, allo svedese Petter Engdahl, all’italiano Nadir Maguet, ai norvegese Stian Angermund e Stian Aarvik. In gara anche il re del Tor de Geants Franco Collé.

Nella gara in rosa sarà super sfida tra l’americana Hilary Gerardi e la spagnola Laura Orguè. Ruolo di outsider per la francese Holly Page, l’olandese Ragna Debats, l’italiana Elisa Desco

LE GARE:

Limone Skyrunning Extreme
29 km di vero skyrunning con un dislivello di 2540m, partenza e arrivo nella suggestiva location di Lungolago Marconi di Limone, sono i tratti distintivi di questa gara. Dopo due km tra le vie del centro cittadino, si raggiunge località Reamòl. Da qui inizia una tanto suggestiva, tanto muscolare ascesa che porta prima a Punta Larici e poi verso Passo Rocchetta. Dopo avere superato la parte sommitale del vertical si punta Monte Carone, nuovo GPM della gara. Dalla cima si scende per poi riprendere il falsopiano fino al bivio per Traversole. Qui comincia l’ultimo pezzo di sali e scendi per raggiungere Dalco. Ad attendere i big mondiali e il popolo delle sky un’ultima lunghissima picchiata verso il traguardo. Proprio qui, i più veloci possono mettere in mostra le loro doti da discesisti, provando ad aggiudicarsi il “Downhill Fabio Meraldi”. SVILUPPO: 29 Km DISLIVELLO: 2540mt.

Vertical Kilometer Grèste de la Mughéra
Vi sono gare destinate a lasciare il segno. La vertical di Limone è una di quelle. Circa 1100 m di dislivello positivo in nemmeno 3 km di percorso sono dati potrebbero impressionare, ma sicuramente quello che più colpisce spettatori e pubblico è lo strepitoso panorama che questo itinerario regala in versione “by night”. Dai soli 60 mslm della zona partenza spara, attraverso un sentiero appositamente “ripulito” e segnalato, ai 1160 mslm dello striscione d’arrivo. Start dal lungolago Marconi, dopo un primo tratto pianeggiante si entra nel centro storico del paese sino a raggiungere un caratteristico uliveto. Poi su, lungo un crinale dove la salita diventa sempre più impervia e difficile. Arrivo in località “Nembra”, ove si gode una vista mozzafiato. SVILUPPO: 3700 m DISLIVELLO: 1080 m.

10 K
Emozioni mondiali anche per i runner comuni. La Limone Extreme apre le porte agli amanti della corsa con una 10 km di sicuro appeal che partirà prima della finale mondiale. Stessa location, medesima finish line con bagno di folla assicurato, stesse emozioni, ma con un percorso più soft per avvicinarsi in modo graduale al mondo sky. Partiti dal centro storico del suggestivo borgo dell’Alto Garda, si costeggia il lungolago e il torrente San Giovanni prima di imboccare la Valle del Singol e risalire una muscolare mulattiera che presenta pendenza con picchi del 24%. Dal 3° km un bel single track che alternando tratti i salita ad altri di “mangia & bevi”. Giunti al 6° km, giù a bomba verso il traguardo di lungolago Marconi. SVILUPPO: 10 km DISLIVELLO: 1.103 m – altitudine max. 743 mslm