Banner alto

Banner alto

Moscato di Scanzo Trail – la corsa che mancava. Vincono Cristian Terzi e Sabrina Manenti

Condividi su:

Scanzorosciate, Bergamo. Oggi abbiamo corso la prima edizione del Moscato di Scanzo Trail, nuovissimo evento coordinato da Mario Poletti e la sua instancabile squadra di Fly-Up. Cristian Terzi e Sabrina Manenti i vincitori di questa prima edizione. Classifiche inserite.

moscato_scanzo_trail_2016_scanzorosciate_cristian_terzi_ph_credit_fabrizio_servalli_per_flyup-7

Cristian Terzi – ph credit Fabrizio Servalli / Fly Up Sport

Bergamo, città di grandi lavoratori, terra di montagna e alpinisti, de süra e de söta, ma anche di Orio al Serio e dell’aereo in tangenziale. Una terra fatta di grandi distese coltivate a granoturco, che nei pressi della città cominciano ad incurvarsi nella bellezza affascinante dei Colli, per poi innalzarsi con decisione fino alle aspre vette Orobiche, palestra di grandi alpinisti e indimenticabili atleti, fra runner e ciclisti di ogni epoca.

In questa varietà di terreni, di corse – competitive e non – ce ne sono davvero per tutti i gusti e per tutte le gambe: dalle tapasciate che accompagnano a scoprire sentieri e borghi segreti fino alle ultra distanze che fanno sognare tutti i runner. In questa vasta offerta fra sterrati, asfalto, skyrace e ultratrail, ci mancava un trail di media distanza che accendesse le fantasie degli stradisti e li avvicinasse, magari per la prima volta, all’offroad.

moscato_scanzo_trail_2016_scanzorosciate_longhi_ph_credit_fabrizio_servalli_per_flyup-2

ph credit Fabrizio Servalli / Fly Up Sport

Ci ha pensato il Mario. Il Mario, per chi non lo conoscesse, è un atleta professionista che ha corso di tutto e dappertutto. Ha vinto, ha stravinto e ha conquistato anche dei record, entrando nell’Olimpo degli atleti che scalano le montagne come chiunque altro scalerebbe, forse, il divano di casa. Dopo una brillante carriera, il Mario ha deciso di mettere la sua esperienza, ma soprattutto la sua passione, al servizio dei tanti runner, creando per loro alcuni appuntamenti imperdibili come: Orobie Vertical, Formico Trail, 6 Comuni Presolana Trail – del prossimo 9 ottobre – come tante altre e da quest’anno Moscato di Scanzo Trail.

Ciò che rende particolare questa corsa, è indubbiamente il suo forte legame con un territorio che, seppur con parsimonia, ha regalato un frutto prezioso come il Moscato di Scanzo Docg. Vino di grande pregio, si tratta di un Moscato passito a bacca rossa, ottenuto da vitigno autoctono coltivato su un territorio di soli 31 ettari. Una produzione molto limitata che lo rende un prodotto di nicchia, esclusivo e ricercato. Il percorso attraversa questo prezioso territorio, portando a scoprire luoghi altrimenti riservati e chiusi al pubblico, arricchendo l’esperienza di corsa di una componente turistica, sicuramente affascinante.

moscato_scanzo_trail_2016_scanzorosciate_ph_credit_fabrizio_servalli_per_flyup-3

ph credit Fabrizio Servalli / Fly Up Sport

Il tracciato di 20 km – per sua buona parte da corrersi su percorso sterrato e mai tecnico – ha condotto i 320 runner alla scoperta del Moscato di Scanzo e del suo ambiente. Nell’allegro contesto dell’undicesima edizione della Festa del Moscato di Scanzo, la gara si è svolta sotto un cocente sole che non ha dato tregua agli atleti, supportati dalle fontane messe a disposizione dalle cascine e da alcuni generosi residenti (mitico il doccino attorno al diciottesimo kilometro!). L’intenso profumo di queste uve ha fatto invece compagnia lungo tutto il nervoso percorso, caratterizzato da un saliscendi spacca gambe nel tratto centrale, dove la presenza del simpatico Diavolo Sky ha sicuramente rincuorato e motivato. Il tempo di una battuta e pronti a ripartire! A fianco della corsa competitiva, ha preso poi il via la Family Run, una camminata a passo libero di 5 km che ha sicuramente offerto alcuni dei suggestivi paesaggi delle colline di Scanzorosciate.

moscato_scanzo_trail_2016_scanzorosciate_angelo_caslini_drago_scott_ph_credit_fabrizio_servalli_per_flyup-6

ph credit Fabrizio Servalli / Fly Up Sport

Festoso l’arrivo in Piazza Alberico da Rosciate, con la divertente accoglienza dell’inconfondibile voce di Juri Pianetti, speaker di numerose gare di corsa in montagna. Se il vostro obiettivo è di salire sul podio il prossimo anno, questi i tempi da battere: per le quote rosa 2:03:07 di Sabrina Manenti – Amatori Lazzaretto Bergamo – che ha condotto su Daniela Vassalli e Umberta Magno e 1:33:41 di Cristian Terzi – Atletica Valli Bergamasche che ha avuto la meglio su Antonio Armuzzi e Guido Barbuscio.

Se invece vi accontenterete di partecipare, non vi verrà negata una bella medaglia artigianale di finisher e un ricco party, presso la prossima Festa del Moscato.

Classifiche prima edizione Moscato di Scanzo Trail.

Sara Taiocchi