Banner alto

Banner alto

Il 26 agosto la quinta edizione della Rampigada Half Marathon

Condividi su:

La Rampigada Half Marathon 2018, patrocinata dalla Regione Piemonte, andrà in scena il 26 agosto su un percorso di 21 km sull’Alpe Veglia. Gara competitiva, non competitiva e nordic walking.

Rampigada 2017

La Rampigada, gara che si svolge nel Parco dell’Alpe Veglia, si disputerà domenica 26 agosto 2018; giunta quest’anno alla quinta edizione, è una corsa in montagna competitiva e non competitiva, che si snoda su un percorso ad anello tra la frazione di San Domenico di Varzo (VB), l’Alpe Veglia, l’Alpe Ciamporino e di nuovo San Domenico di Varzo.

Novità di quest’anno è che la Rampigada diventa Mezza Maratona con un percorso di 21,0975 km. La manifestazione è organizzata dall’Asd San Domenico Sport con la collaborazione di San Domenico Ski srl e fa parte del circuito Vco Top Race ed è aperta anche ai praticanti nordic walking che potranno avvalersi di un accompagnatore messo a disposizione dall’organizzazione.

Il percorso della Ramigada Half Marathon attraversa il Parco dell’Alpe Veglia. Dopo la partenza da San Domenico (1420 m) in leggera discesa si percorre un tratto di strada asfaltata, si imbocca la strada sterrata che porta all’Alpe Ciamporino fino al ponte che porta alla località Parüsch. Da qui lieve discesa per imboccare il sentiero selettivo per circa 5 min alla sommità del quale e’ posto il primo traguardo volante (Alpe Nava).

Discesa veloce per ritrovarsi nuovamente sulla strada per l’Alpe Veglia percorrendola interamente eccetto breve sentiero in dura salita. In cima alla salita (Croppallo) primo ristoro! Strada sterrata pianeggiante che porta alla conca del Veglia (1’750 m) dove è posto il secondo traguardo volante con annesso ristoro di fronte all’Albergo della Fonte. Si esce dalla strada e si imbocca sentiero (da cui non si uscirà più fino al traguardo) passando davanti al rifugio Cai Città di Arona che ci porta in località la Balma.

Da qui si sale per un dislivello di circa 300 m toccando prima Porteia Maror (1966 m) e poi Croce Alpini (2115 m) percorrendo il sentiero dei fiori su percorso abbastanza scorrevole che con i suoi saliscendi porta all’Alpe Ciamporino (2000 m) dove è posto il terzo ed ultimo traguardo volante e ristoro. Da qui, dopo breve salita, si intraprende la discesa di circa 3 km in mezzo ai boschi che ci porta in sequenza all’Alpe Moiero (1700 m) all’Alpe Dorcia (1475 m) ed infine al traguardo di San Domenico.