Banner alto

Banner alto

Sebastian Kienle a caccia della perfezione

Condividi su:

Il campione 2014 di Kona, Sebastian Kienle è uno dei più meticolosi atleti nel mondo del triathlon. Ogni sessione di allenamento è pianificata nei minimi dettagli al fine di guadagnare anche il più piccolo margine. Seb è alle Hawaii pronto per Kona.

Sebastian Kienle Photography Korupt Vision

Kona, Hawaii. È la sesta volta che Sebastian Kienle arriva a Kona per gareggiare e non c’è niente di più vero del suo slogan formula vincente non si cambia. È arrivato sull’isola cinque settimane prima della corsa in modo da adattarsi alle condizioni ambientali e vivere al meglio la grande isola. «Amo essere qui quando tutto è calmo. Arrivo qualche settimana prima della gara, quando ci sono ancora pochi atleti. Solo così riesco a rilassarmi studiando il percorso e vivendo l’isola al 100%. Quest’anno sono qui con mia moglie e non c’è niente di più bello che iniziare la giornata con un caffè guardando l’oceano e chiudere con una cena al tramonto. Kona è magnetica. Tutto questo mi mette nelle condizioni mentali perfette per affrontare la gara».

Lubos Bile, è l’ allenatore fidato di Seb. Presente ad ogni viaggio, sa come divertire ed allenare allo stesso tempo il campione tedesco. «È davvero importante rilassarsi dopo ogni sessione di allenamento e distrarlo dal triathlon. Alla sera, ad una settimana prima della corsa, ad esempio, si va al cinema. Quest’anno c’è anche sua moglie e questo lo aiuterà. Dobbiamo distrarre Sebastian – dice Lubos -. Nell’ultima settimana non puoi vincere la gara, ma puoi perderla. Vedere tanti atleti alla mattina su Alii Drive correre ad una velocità supersonica ti fa pensare che batteranno Jan Frodeno o Sebastian Kienle. Molti ragazzi si distruggono solo nell’ultima settimana».

Il video: