Banner alto

Banner alto

Staffetta Bueggio diga del Gleno: Pietro Lenzi e Luca Magri profeti in patria

Condividi su:

Edizione da ricordare per la Bueggio diga del Gleno: la staffetta di corsa in montagna fa il pieno di iscritti e incorona due giovani scalvini che su questi sentieri sono cresciuti, Luca Magri e Pietro Lenzi. La gara in rosa premia il duo Paola Pezzoli Rossana Morè.

 

43esima edizione della Bueggio diga del Gleno da record: 98 le coppie che hanno partecipato alla staffetta di corsa in montagna organizzata dal Gs Bueggio di Francesco Lazzaroni a Vilminore di Scalve (Bg). Da affrontare la sezione di salita fino alla diga del Gleno (percorso di 3 km e 500 m d+) e la frazione di discesa che riporta a Bueggio (percorso di 6 km).

Nella prova only up il più veloce è stato Pietro Lenzi (22’03”), secondo miglior tempo per Cristian Terzi (23’40”), terzo per Daniele Tomasoni (24’05”). In discesa Luca Magri vola sui sentieri di casa: taglia il traguardo in 20’37”, siglando il nuovo record della seconda frazione. Secondo Thomas Belingheri (a cui apparteneva il precedente primato) in 21’49”, terzo Pietro Magli in 21’50”.

La classifica generale vede dunque al comando la coppia tutta scalvina composta da Pietro Lenzi e Luca Magri. «Li abbiamo visti crescere qui anno dopo anno alla gara del Gleno, siamo molto contenti del loro risultato», hanno commentato gli organizzatori. Il tempo totale di 42’40” è il nuovo record che somma salita e discesa. Alle spalle dei vincitori si sono piazzati Cristian Terzi e Thomas Belingheri; terzo gradino del podio per Davide Mazzocchi e Pietro Magli. Nella top five Daniele Tomasoni e Valter Albrici seguiti da Flavio Ghidini e Fabio Bonfanti. 

Al femminile si impone la coppia formata da Paola Pezzoli (30’11” il suo crono in salita) e Rossana Morè (31’02” il tempo di discesa). Secondo posto della graduatoria generale per Francesca Fanetti (34’29” – salita) e Tiziana Bianchini (29’13” – discesa), terze classificate Maria Moreschi (31’33” – salita) e Roberta Grappoli (32’49” – discesa).

Ulteriori informazioni sul sito web www.scalve.it.