Banner alto

Banner alto

Trofeo Parravicini al via il 15 aprile, innevamento abbondante

Condividi su:

flash news: attenzione, gara annullata

 

Domenica 15 aprile 2018 si svolgerà la 69ª edizione del Trofeo A. Parravicini. Anche quest’anno oltre alle categorie assolute ci saranno quelle giovanili (junior e cadetti m e f) a calcare le creste e i pendii che da più di 80 anni caratterizzano il Parravicini. Per tutti la gara scialpinistica, come da tradizione, sarà a coppie.

Quest’anno l’innevamento è abbondante, come nei migliori inverni sulle Orobie. Grazie all’impegno dell’amministrazione del comune di Carona e alla collaborazione della locale pro loco, l’accesso al rifugio sarà in jeep fino a Prato del Lago, per poi proseguire a piedi o con gli sci lungo la carrareccia che porta alla diga di Fregabolgia e poi fino al Rifugio Calvi (circa 50 minuti). Sul balcone del rifugio la neve è ben oltre le barriere e le baite in zona partenza sono completamente sommerse.

Lungo tutto il percorso il cospicuo manto nevoso ha addolcito creste, canali e discese. Il tecnico e sempre affascinante Canalino del Cabianca si presenta nella sua spettacolarità, dove le abbondanti nevicate hanno completamente sommerso le asperità addomesticando in parte la sua non trascurabile pendenza. Da mercoledì inizierà il lavoro dei tracciatori, che dovranno scegliere le migliore salite, le più sicure creste e le più spettacolari discese, creando il tecnico percorso che caratterizza questa gara.

Come ogni anno al rifugio sono disponibili per le squadre che lo desiderassero 60 posti letto per vivere insieme la magia della sera prima della gara, raccontando e ascoltando di scialpinismo e di montagna. La disponibilità si sta velocemente esaurendo, quindi chi fosse interessato e non l’avesse ancora fatto si affretti a contattare l’organizzazione.

Le prime iscrizione sono ormai arrivate, com molte squadre da tutto l’arco alpino e appenninico. Molti degli iscritti sono reduci da competizioni a livello mondiale come Pierra Menta e Tour du Rutor. Sono attesi atleti di livello mondiale come i bergamaschi Pietro Lanfranchi e William Boffelli, già vincitori nelle passate edizioni del Trofeo Parravicini. Qualche atleta di punta non ha ancora fatto pervenire la sua iscrizione ma l’elenco iscritti dovrebbe arricchirsi, dando vita a una competizione serrata dal risultato incerto fino all’ultima discesa.

Il percorso, si svolge come di consueto sulle creste ed i canali che circondano la conca dove sorge il Rifugio Calvi. Il tracciato definitivo sarà deciso dai tracciatori nel corso della prossima settimana, prendendo in considerazione le molte alternative che la conca offre; in linea di massima potrebbe essere il seguente: partenza dal piano antistante il Rifugio (2005 m) con l’ascensione al passo Grabiasca, che porterà i concorrenti fino a quota 2460 m, cui seguirà una breve discesa e poi la salita fino in vetta al M. Reseda (2383 m); discesa fino al rifugio, nuovo cambio d’assetto e risalita verso il passo Portulino, dove inizia la lunga cresta, da affrontare con gli sci sullo zaino che porterà sulla vetta del M. Madonnino (2502 m).

Dopo un breve tratto in discesa da affrontare sempre a piedi, si rimetteranno gli sci e si affronterà la terza discesa fino al lago dei Curiosi (2112 m). Da qui inizierà l’ascensione alla cima più alta della giornata, il M. Cabianca 2601 m .Si risale la cosiddetta Spalla fino a portarsi sulla cresta finale che verrà percorsa a piedi con gli sci sullo zaino.

Giunti in vetta si affronterà uno dei dei tratti più tecnici dell’intero percorso: la discesa con gli sci del canalino nord del M. Cabianca, al termine del quale si proseguirà sino alla presa dell’acqua a quota 2100 m. La penultima salita porterà i concorrenti fino alla quota 2250 m dove inizierà l’ultima discesa fino a circa 1980 m. Da qui l’ultima risalita che con una breve discesa condurrà le squadre all’arrivo sulla terrazza del Rifugio Calvi. Il percorso con un dislivello di 1900 m ha uno sviluppo di circa 18 km.

Per le categorie giovanili, il percorso ricalcherà la prima metà di quello tradizionale, evitando la salita al M. Cabianca per gli junior e la tecnica cresta del Madonnino per i cadetti.

Le iscrizioni si chiuderanno il 14 aprile, ore 14.30, o al raggiungimento delle 80 squadre. Dovranno essere regolarizzate con la presentazione della ricevuta di pagamento.
I costi di iscrizione per tutte le squadre che effettueranno il pagamento entro il 14 aprile (farà fede la ricevuta di pagamento) è di 60 € per le categorie assolute e di 30 € per le categorie giovanili. I pagamenti che verranno regolarizzati successivamente, presso l’ufficio gara (14-15 aprile), saranno maggiorati di 20 € per le squadre assolute e di 10 € per le squadre giovanili.

L’ufficio gara sarà aperto sabato dalle ore 10.00 alle 20.00 e domenica dalle 5.00 alle 7.30 a Carona presso la pro loco.

Per le prime 30 squadre che lo desiderassero, è possibile pernottare presso il rifugio Calvi ad un costo di 80 € a squadra, con trattamento di mezza pensione. Per le squadre giovanili verrà riservato un posto per un accompagnatore per ciascuno sci club. Altri posti verranno assegnati, a richiesta, a secondo delle disponibilità.

Con il 69° Trofeo Parravicini si assegnerà anche il Trofeo Alpi Orobiche, manifestazione articolata su tre prove, di cui una disputata, MARIO MERELLI C’E’ – Lizzola 6 febbraio 2018 ed una annullata per il maltempo, PIZZO CAMINO SKIALP RACE. Saranno premiati gli atleti Senior, Master, M/F che avranno totalizzato il miglior punteggio partecipando a tutte e due le gare.