Banner alto

Banner alto

Valchiavenna Skyrace: Simukeka e Niyirora vincono l’ottava edizione

Condividi su:

San Bernardo ai monti ,frazione del comune di San Giacomo Filippo, Sondrio, domenica 19 agosto. Emozioni a raffica per la Valchiavenna skyrace di km 20.74 per un dislivello totale di 3.306 metri con gli skyrunner del Rwanda e del Kenia, poi il tracciato ha fatto la sua parte con lo scenario alpino del bacino del Truzzo.

foto valetudo serim

Allo start delle ore 9.00 è stato osservato un minuto di silenzio per le vittime del ponte crollato a Genova. Sulle prime rampe del percorso, zona San Rocco, il keniano Kiyaka ha messo tutti in fila, questa condotta di gara ha messo alla frusta il gruppo ed il primo ad alzare bandiera bianca per un problema di salute è stato il vincitore della Valchiavenna 2017 il bergamasco Luca Carrara. Al gpm presso il Truzzo le due aquile Valetudo Serim by Racer transitavano distanziati di 15” primo Kiyaka e secondo Simukeka. Nella Valchiavenna rosa la giovane Rwandese Valetudo Serim classe 1994 Niyirora Primitive, alla sua prima esperienza nelle corse del cielo, al gpm ha fatto un vuoto incolmabile predisponendosi in modo tranquillo alla fase di gara di discesa su sentieri tecnici, mai visti e affrontati in Africa. Dopo il passaggio al gpm si scatena Simukeka il rwandese nonostante una rovinosa caduta riesce a tagliare il traguardo con il crono 2h04’34” a sei secondi dal record della competizione valtellinese, secondo il keniota Kiyaka Dennis Bosir in 2h09’09” terzo e primo degli italiani Erik Panatti team Gp Valchiavenna in 2h13’02”. Nella skyrace rosa successo per la Valetudo Serim con Primitive Niyirora, l’atleta rwandese taglia il traguardo incredula di aver vinto la gara, il suo crono 2h38’22” addirittura è il nuovo record della Valchiavenna Skyrace migliorando il precedente di oltre due minuti che apparteneva alla bergamasca Lisa Buzzoni. Argento per Fabiana Rapezzi Osa Valmadrera 2h47’21” e bronzo per Lorenza Combi team Santi Olonio 2h49’46”

Giorgio Pesenti