giovedì, Agosto 11, 2022

43 team ai nastri di partenza di Rewoolution Raid Bergamo

Sabato 1 giugno 2013 – 43 team si sono presentati questa mattina a Bergamo per partecipare al primo Rewoolution Raid Summer della stagione, l’evento multidisciplinare che coniuga sport, divertimento e scoperta del territorio.
Richiamati dalla possibilità di vivere una divertente esperienza outdoor e di aggiudicarsi l’ambito premio (un esclusivo viaggio in Nuova Zelanda), i partecipanti affronteranno due giornate di gara su due tracciati misti (trail running, mountain bike e prove su roccia), diversi per livello di difficoltà e numero di kilometri: un percorso lungo di 16 km a piedi e 30 km in bici, con 2.200 metri di dislivello positivo totali, pensato per gli atleti più esperti, e un percorso corto, di 10 km a piedi e 30 km in bici, con 1.700 metri di dislivello positivo totali, aperto a tutti gli appassionati.
Le squadre, composte da tre atleti ciascuna, dovranno essere in grado di orientarsi nel vasto territorio interessato dalla gara (Bergamo, Nembro, Selvino e Zambla), inoltre, troveranno sul loro cammino diverse prove speciali da superare, con l’obiettivo di ottenere il maggior numero di punti utili per scalare la classifica.
Dopo la prima giornata di gara, questa sera i partecipanti si ritroveranno al campo base a Monte Poieto, per trascorre la notte in tenda. Domattina affronteranno l’ultima fase della loro adventure race, cercando di presentarsi all’arrivo nel minor tempo possibile.
Il team capace di conquistare il migliore risultato, potrà aggiudicarsi il premio finale, che verrà assegnato dopo la seconda tappa dei Rewoolution Raid Summer (Nago Torbole 21-22 settembre), sulla somma di entrambe le classifiche.
Rewoolution Raid Summer 2013 è un evento promosso da Rewoolution, innovativo marchio di activewear in pura lana Merino (www.rewoolution.it).
Per informazioni www.rewoolutionraid.com
Guarda il teaser:
[youtube width=”550″ height=”400″ video_id=”XtSLM1QbHUs”]
Press office
SPIA GAMES SRL
(Foto 1 credit Riccardo Monti, foto 2 e 3 credit Giovanni Marchesi)

ARTICOLI CORRELATI

Most Popular