fbpx
martedì, Settembre 27, 2022

Ahmed El Mazoury e Margherita Magnani (Fiamme Gialle) vincono la Corrida di San Lorenzo. Riccardo Tamassia il nuovo Highlander

Una conferma e una new entry nell’albo d’oro della Corrida di San Lorenzo a Zogno (Bg), una notte di stelle che, dopo la burrasca nella tarda mattinata, hanno brillato in cielo e nel centro storico di Zogno. La conferma arriva da Ahmed El Mazoury e la new entry è Margherita Magnani. Grande spettacolo anche con l’Highlander Run.

Piazza Italia a Zogno, cuore della Corrida di San Lorenzo

20ª Corrida di San Lorenzo

Ahmed El Mazoury che bissa il successo della scorsa edizione ingranando subito la quarta, sbarazzandosi quasi subito degli avversari e conquistare così tutto solo gli applausi del pubblico. Hanno cercato di impensierire il suo cammino verso la conquista della m.o. Giovanni e Roberto Pesenti a.m., prima l’idolo di casa Nadir Cavagna, secondo fino all’ultima tornata durante la quale sono rinvenuti prepotentemente gli azzurri Ahmed Abdelwahed (Cus Camerino) e Yassin Bouih (Fiamme Gialle) secondo e terzo classificato. In chiave bergamasca più che buone le prestazioni di Ahmed Ouhda (Casone Noceto), Alex Baldaccini (Valle Brembana) e Pietro Sonzogni (Runners Bergamo) nell’ordine dal settimo al nono posto. La classifica juniores ha visto primeggiare il piemontese Rabino davanti a Abdelhakim Elliasmine (BG 59) e Matteo Bonzi (Valle Brembana).
La new entry è Margherita Magnani che, rientrata dai Mondiali di Londra, ha deciso all’ultimo di iscriversi alla gara zognese, concedendosi pure il lusso di abbassare il record del percorso portandolo a 13’20”, aggiudicandosi la m.o. Mimmo Tambone a.m. L’atleta emiliana ha preceduto al traguardo due delle vincitrici delle passate edizioni l’attesissima Sara Dossena (Laguna Running) e Valeria Roffino (Fiamme Azzurre). Miglior bergamasca in gara la junior Chaima Othmani (Gav Vertova) decima assoluta. A completare il podio delle più giovani Federica Cortesi (Valle Brembana) e Chiara Schiavi (Pool Alta Valseriana).

Lo start della finale della Higlander Run 2017 a Zogno

8ª Highlander Run

Grande spettacolo con l’Highlander Run, la gara ad eliminazione proposta fra la gara femminile e quella maschile: atletica, musica e spettacolo delle ragazze del Twirling Zogno si sono fuse in un tutt’uno portando l’adrenalina del pubblico ai massimi livelli. Quattrocento ottanta metri che quindici selezionatissimi atleti hanno dovuto compiere tutti d’un fiato, per più volte, fino all’ultima, quella della composizione del podio che ha visto salire sul gradino più alto Riccardo Tamassia (La Fratellanza Modena) seguito da Mor Seck (Atl. Monza) e da Jacopo Brasi (Pool alta Valseriana).

Soddisfatti Roberto Ferrari, presidente dell’Atletica Valle Brembana, e Luigi Ferraris di Ready to Run, al termine dell’intensissima serata di sport. “Ci tenevo che la ventesima edizione fosse degna del traguardo fin qui raggiunto -ha dichiarato Ferrari- e stamane, quando è arrivato il violentissimo temporale che ha vanificato tutto quanto avevamo già preparato, devo ammetterlo, sono andato in crisi. Mi hanno ricaricato tutti i miei collaboratori, mio figlio che da Israele dove lavora mi ha incitato a non lasciarmi prendere dallo scoramento e qualcuno da lassù ci ha veramente aiutato. Stasera le stelle hanno brillato più del solito. Devo ringraziare veramente tutti”. Contentissimo anche Luigi Ferraris. “Tutto il grande lavoro che precede manifestazioni di questo livello è stato ancora una volta ripagato dall’affetto che ci ha dimostrato il pubblico. Sono emozioni che ci spingono ad andare avanti e fare ancora meglio”.

 

ARTICOLI CORRELATI

Most Popular