Banner alto

Banner alto

La Via Mercatorum di Alex Baldaccini

Condividi su:

Sport, beneficenza e promozione del territorio sono stati il mix vincente di Mercatorum Marathon, il progetto estivo dell’azzurro di corsa in montagna Alex Baldaccini. Il runner di San Giovanni Bianco, di professione fisioterapista, ha idealmente unito Valle Seriana e Valle Brembana seguendo la Via Mercatorum, antico percorso che in età medievale rappresentò la principale via di collegamento fra la città di Bergamo e la Valle Brembana.

Alex Baldaccini Via Mercatorum 

Partito questa mattina (domenica 26 luglio) di buon ora dalla piazza della Libertà di Nembro, l’atleta del team Hoka One One ha percorso in 3h07’49” i 40 km (1700 m D+) di questa antica via di collegamento tra la Valle Seriana e la Valle Brembana sino a raggiungere San Giovanni Bianco, il suo paese d’origine.

Nessuna gara, nessun record. Obiettivo dichiarato del Balda era stabilire un tempo di riferimento su questo percorso, attirando l’attenzione dei media su un’arteria commerciale risalente al medioevo e recentemente restaurata. La corsa sulla Via Mercatorum è inoltre servita per unire idealmente due vallate colpite duramente dalla pandemia di Covid 19 raccogliendo dei fondi che verranno interamente devoluti alla Casa Anziani Tiraboschi Bombello di Serina.

Alex Baldaccini Via Mercatorum

3h07’49” è il tempo impiegato dal forte runner orobico per transitare nei 18 paesi che separano Nembro da San Giovanni Bianco: «È stata una bella esperienza, dura ma bella – ha dichiarato Alex Baldaccini -. Ci tenevo a fare qualcosa per il mio territorio sperando che la gente del posto rispondesse positivamente e devo dire che mi hanno stupito: è andata oltre ogni mia più rosea aspettativa. Lungo il tracciato e all’arrivo c’erano sempre molte persone; c’erano sportivi e gente che con lo sport centrava ben poco… e questo mi ha fatto ancora più piacere».

Da qui l’idea di lanciare un’accattivante proposta: «La Via Mercatorum è un percorso per tutti. Può essere affrontato sia da camminatori, sia da runner. Ovviamente, venendo dal “mondo gare” non mi dispiacerebbe se su questo percorso si organizzasse in futuro una competizione. Viste le quote sarebbe un bell’evento da proporre a inizio stagione, magari alternando la sede di partenza/arrivo tra Nembro e San Giovanni Bianco».

Lascia il tuo commento