Banner alto

Banner alto

Alex Baldaccini rientra alle gare al Valtellina Vertical Tube Race

Già definiti gli ordini di partenza della prima edizione del Valtellina Vertical Tube Race di sabato 18 aprile che vedranno le prime partenze degli “apripista” a partire dalle ore 14.00 per poi proseguire con l’inizio “ufficiale” della competizione alle ore 15.00. Al via 250 atleti, con inizio per la categoria femminile, seguita da quella maschile.

valtellina vertical tube race

Alle ore 17.10 partenza della gara elite femminile seguita alle ore 17.30 dagli elite maschili. L’ulteriore novità proposta dal comitato organizzatore è quella della diretta streaming a partire dalle 15:00. Sarà possibile seguire tutti gli arrivi sul sito corsainmontagna.it grazie alla telecamera montata in cima alla condotta forzata con visione sull’intero tracciato.

Passando al lato agonistico della manifestazione ed ai favoriti per la vittoria, in campo femminile fari puntati su Alice Gaggi. La valtellinese del Runner Team 99, dovrà però superare la concorrenza delle compagne di nazionale Samantha Galassi ed Elisa Compagnoni oltre che dall’esperta atleta delle gare di Towerrunning Cristina Bonacina. Attenzione anche a Ivonne Martinucci che potrebbe essere la sorpresa di giornata.

In campo maschile favori del pronostico tutti per Bernard Dematteis. Il campione europeo in carica di corsa in montagna parrebbe non avere avversari in grado di contrastarlo, soprattutto dopo il forfait causa infortunio di Marco De Gasperi, profondo conoscitore delle condotte. Alex Baldaccini (Gs Orobie) rientra alle gare dopo un lungo infortunio e potrebbe inserirsi nell’apertissima lotta per il podio a cui potrebbero ambire anche lo slovacco Tomas Celko (Team Hole Dore Cepro New Balance), Massimiliano Zanaboni (Atletica Valli Bergamasche), Marco Facchinelli (Atletica Trento) ed Emanuele Manzi (Gs Forestale). Curiosità per gli atleti specialisti delle gare di Towerunning (anche se decisamente più corte) che saranno al via: Ignacio Cardona (Spagna), Milan Wurst (Rep. Ceka). Ralf Hascher (Germania).