Banner alto

Banner alto

All’Isola d’Elba un triathlon tour unico in Italia

condividi su:

Non sì è ancora spenta l’eco della splendida giornata di sport alla prima edizione del Duathlon Sprint di Barzanò che la Spartacus Triathlon Lecco torna in campo per allestire l’Elba Irontour Triathlon Mtb, un circuito di ben 5 tappe che si svolgeranno nell’isola toscana dal 24 al 28 aprile. È l’11° anno della manifestazione, unica in Italia nel suo genere e una delle pochissime al mondo a concentrare in pochi giorni più gare di triathlon e non è un caso se sia proprio l’Elba a ospitare un simile evento, potendo garantire paesaggi e caratteristiche tecniche ideali per il triathlon offroad, coniugando mare e montagna nello spazio di pochissimi km.

elba triathlon tour spiaggia corsa

Il programma di gare è fittissimo: si comincia il 24 aprile con la gara di Pareti, consistente in una frazione di nuoto da 1 km sulla spiaggia di Pareti, poi 23 km in bici e 10 km di corsa; il giorno dopo si va nel vicino Lido di Capoliveri: frazione di nuoto di 750 metri con un doppio giro della Baia di Lido con uscita intermedia all’americana, a seguire 15 km in Mtb per un dislivello di 492 metri e infine 5 km a piedi. Terzo giorno a Barbarossa (Porto Azzurro), ancora 75 metri di nuoto a doppio giro nella Baia di Barbarossa, poi 15 km di Mtb per 548 metri di dislivello e 5 km di corsa. Quarta tappa, si va a Lacona, previsto 1 km di nuoto, 15 km di Mtb e 5 di corsa. Conclusione il 28 aprile con il Triathlon Sprint Mtb a Le Ripalte di Capoliveri, dopo la frazione di nuoto ancora da stabilire sono previsti 15 km in Mtb con 614 metri di dislivello e 5 km a piedi.

Il costo delle iscrizioni è di 200 euro per le categorie da S2 ai Master, fino al 15 marzo, poi sono previsti aumenti. Gli junior pagheranno 75 euro, la categoria Youth B solo 32 euro. In programma anche la gara di staffetta, novità assoluta dell’anno, al costo di 3 euro a team composti da 3 atleti. È possibile aderire anche singolarmente alle varie prove. Considerando il periodo di gara e il fatto che si tratta di una prova del calendario nazionale, quindi aperta a concorrenti di ogni regione anche in periodo di pandemia, l’occasione è ideale per godere del clima e delle bellezze dell’Isola d’Elba, abbinando la competizione sportiva al turismo in un autentico palcoscenico storico e naturalistico invidiato in tutto il mondo.