Banner alto

Banner alto

Arge Alp Orienteering: 550 atleti padroni di boschi, prati e piste da sci dell’Aprica

Condividi su:

Il Ticino in rimonta si aggiudica l’Arge Alp 2016 di orienteering ad Aprica, sulle Alpi Orobie baciate da un bel sole autunnale, dopo due giorni intensi di gara.

Arge_Alp_Orienteering_2015_Aprica_05_photo_credit_organizzazione

Aprica, lunedì 12 ottobre 2015 – Con 313 punti, i Ticinesi hanno avuto la meglio su San Gallo (293) e Trentino (220). In località Palabione, in piene piste da sci, si è disputata la gara individuale Long, che ha registrato il successo di Mikhail Mamleev (Alto Adige 1h14’28”) per gli uomini e di Elena Roos (Ticino 1h12’57”) per le donne. Mamleev ha battuto Roberto Dallavalle (Trentino 1h17’19”) e David Stark (San Gallo 1h25’50”). Roos ha avuto la meglio su Christine Kirchlechner (Alto Adige 1h18’07”) e Anina Brunner (Turgovia 1h19’07”).

Un percorso molto duro quello di domenica ad Aprica, tracciato da Paolo Mario Grassi, come ricordato anche dai vincitori della gara individuale. Mamleev: “Una corsa durissima, dove abbiamo trovato pendenze proibitive. Il tracciato non lasciava un attimo di tregua, gambe e mente dovevano essere sempre al massimo”. Roos: “Battere un’avversaria forte come Kirchlechner è un onore ed in più aver contribuito alla vittoria finale del mio Land è il massimo. Il nostro territorio (il Ticino ndr) è molto attento all’orienteering. Abbiamo una lunga tradizione e siamo venuti in Valtellina con una selezione competitiva, oltre che numerosa”.

All’evento di Aprica è intervenuto anche Antonio Rossi, campione mondiale ed olimpico di canoa. “Ho accettato volentieri l’invito degli amici orientisti, di cui apprezzo lo spirito e la dedizione. Sono inoltre felice di aver finalmente visto le montagne di Aprica anche in estate e non solo in inverno quando vengo a sciare”. L’assessore è rimasto fino al termine delle premiazioni. Aprica è stata rappresentata ieri dal sindaco Carla Cioccarelli: “Aprica ha vissuto un anno magico per lo sport, ospitando il Giro d’Italia maschile e femminile, la Transalp, la Gran Fondo Campionissimo ed ora l’Arge Alp di Orienteering. Sport, ambiente ed enogastronomia sono i nostri punti di forza”.

Il sabato, giorno della disputa della staffetta tra piste e boschetti del basso versante e, nel pomeriggio, della rumorosa sfilata dei seicento partecipanti dall’arco ligneo nel centro di Aprica al palazzetto dello sport, aveva fatto gli onori di casa – con tanto di fascia tricolore – Bruno Corvi, eclettico vicesindaco dello sportivissimo Comune valtellinese. Con lui alla testa del corteo c’erano il presidente del CONI Sondrio Ettore Castoldi, il vicepresidente del CONI Lombardia Alessandro Vanoi, il presidente nazionale FISO Mauro Gazzerro e quello lombardo Beppe Ceresa, che insieme hanno premiato i vincitori della prima giornata. Sentite parole di ringraziamento dello stesso Corvi e da Ceresa ai Land, ai trenta volontari e alle associazioni locali per la collaborazione all’evento, ripreso dalle telecamere di Rai Sport, che tra 15 giorni circa metterà in onda una sintesi di 35′.

Arge_Alp_Orienteering_2015_Aprica_07_photo_credit_organizzazione

CLASSIFICA UOMINI:
1° Mikhail Mamleev (Alto Adige 1h14’28”)
2° Roberto Dallavalle (Trentino 1h17’19”)
3° David Stark (San Gallo 1h25’50”)

DONNE ELITE:
1ª Elena Roos (Ticino 1h12’57”)
2ª Christine Kirchlechner (Alto Adige 1h18’07”)
3ª Anina Brunner (Turgovia 1h19’07”)

Clicca qui per le classifiche individuali.

CLASSIFICA LAND:
1° Ticino 313 punti
2° San Gallo 293
3° Trentino 220
4° Alto Adige 165,5*a parità di piazzamento conta il miglior classificato della cat. Men Elite
5° Lombardia 165,5*
6° Grigioni 161,5
7° Baviera
8° Tirolo
9° Baden-Wuerttemberg
10° Voralberg

(ph: organizzazione)