Banner alto

Banner alto

Boclassic Alto Adige: sarà un’edizione molto diversa dalle precedenti

Bolzano. Il 31 dicembre 2020, la decisione è stata presa, andrà in scena la Boclassic. Gli organizzatori però non si rifaranno alle formule consolidate. Alla 46ª edizione della gara altoatesina quasi nulla resterà come prima, inseguendo obiettivi… europei e mondiali. Scopriamo i dettagli.

boclassic yemann crippa
credit Mosna

La corsa bolzanina di San Silvestro dal 1975 è il fuoco d’artificio sportivo con cui nel capoluogo si saluta l’anno vecchio e si accoglie quello nuovo. Nei suoi 45 anni di storia l’amato evento non è mai saltato. A lungo è sembrato che il coronavirus potesse porre fine a questa serie fortunata. Però il comitato organizzatore, capitanato da Stefan Fink e Christiane Warasin, nei mesi scorsi e nelle ultime settimane ha fatto tutto il possibile perché si possa svolgere almeno la gara della categoria élite, con ai nastri di partenza alcuni tra i migliori mezzofondisti al mondo, sotto l’egida del Comune di Bolzano.

Per questa edizione il Läufer Club Bozen Raiffeisen batterà nuove strade. La Boclassic Alto Adige 2020 non si svolgerà nel centro storico di Bolzano, bensì al centro di guida sicura Safety Park. «Cambieremo le distanze. Quest’anno le donne, a partire dalle ore 14, correranno 10 chilometri, mentre gli uomini partiranno alle ore 14.45 e percorreranno la metà dei chilometri. Puntiamo a stabilire un nuovo record europeo in campo maschile e un nuovo record mondiale nella gara femminile. Il terreno piano con il fondo perfetto e le larghe curve del Safety Park si prestano a tutto questo», è entusiasta l’athletic manager Gianni Demadonna.

Potrebbero crollare un record europeo e uno mondiale.

Ad abbattere il record maschile è candidato il trentino Yeman Crippa. Per farlo, dovrà correre in meno di 13’18”. Tra le atlete, invece, si dovrà andare al di sotto di 30‘29“. «Provvederemo a far sì che ci siano partecipanti sufficientemente forti in entrambe le gare per poter realizzare il nostro intento».

Per motivi di sicurezza al Centro di Guida Sicura Safety Park non sono ammessi spettatori e la Boclassic dovrà svolgersi a porte chiuse. Ciononostante tutti gli appassionati di atletica leggera avranno la possibilità di assistere alla corsa bolzanina di San Silvestro.

La trasmissione in diretta tv su Rai Sport e Rai Alto Adige è confermata.

Inoltre, la Federazione internazionale dell’atletica leggera ha certificato nuovamente il rinomato evento altoatesino e gli ha assegnato la Iaaf Road Race Bronze Label anche per il 2020.

«Siamo contenti di poter organizzare le gare élite della BoClassic Alto Adige nonostante le circostanze. Naturalmente l’evento si svolgerà nel rispetto di tutte le misure igienico sanitarie necessarie. Alcuni podisti amatoriali saranno delusi di non poter correre l’ultimo giorno dell’anno. A loro oggi promettiamo il recupero della gara podistica amatoriale Boclassic Ladurner, la gara riservata alle handbike e le gare giovanili della Boclassic Raiffeisen a inizio estate, epidemia permettendo», conclude Andreas Widmann, il nuovo presidente del Läufer Club Bozen Raiffeisen.