Banner alto

Banner alto

Borno: Andrea Olivari e Corinna Ghirardi vincono la Monte Altissimo Race

Condividi su:

Il circuito di scialpinismo Sci e Luci nella Notte ha fatto scalo a Borno (Bs) per la Monte Altissimo Race, terza prova della challenge fra le province di Bergamo e Brescia. 

Andrea Olivari, Marzio Deho e Giovanni Zamboni

Nella prova di Borno si è imposto Andrea Olivari, classe 1990, in forza allo Sci Club Gromo, fermando il cronometro su 32’50”. alle sue spalle, con un ritardo di 8″, Marzio Deho (Gan Nembro), secondo in 32’58”. Terza posizione assoluta per Giovanni Zamboni (Sci Club Gromo) in 33’03”. Ai piedi del podio Emanuele Orsini (Sci Club Gromo), quarto in 34’33”. Nella top ten anche Luca Malgarida, Daniele Carobbio, Francesco Poli, Diego Fenaroli, Roberto Baccanelli e Kristian Pellegrinelli. Gara in rosa con il successo di Corinna Ghirardi dell’Adamello Ski Team in 40’13” davanti a Paola Pezzoli (Sci club Valgandino) seconda in 42’10” e Nicole Duci (Sci club 13 Clusone) terza in 43’30”. Quarta assoluta Paola Scarduelli e quinta Francesca Rebecchi. 

Corinna Ghirardi

Raccontano gli organizzatori:

Borno, Monte Altissimo. Condizioni meteo e neve ideali. Organizzazione perfetta in tutto e per tutto ma soprattutto 204 motivati Skialper, hanno caratterizzato la terza prova del Circuito Sci e Luci Nella Notte edizione 2018. 768m D+ da superare sul percorso tracciato dagli specialisti dell’Evolution Team di Borno, Valcamonica. Da evidenziare l’ingente schieramento di marshal e volontari del Soccorso Alpino sul tracciato di gara a supporto degli atleti in caso di necessità.

Dopo la fase concitata della partenza, un gruppetto di atleti, condotto dal generoso Giovanni Zamboni a segnare il passo, si è via via sempre più staccato dal plotone degli inseguitori. Al controllo di Capanna Plai, metà salita circa, il gruppetto di testa contava solo una manciata di atleti in grado di resistere al ritmo forsennato imposto dall’apripista. A poche centinaia di metri dalla vetta, il gruppetto di testa contava tre atleti: Giovanni Zamboni, Marzio Deho e Andrea Olivari. Come in un déjà vu, si è ripetuto il finale del Maniva. Parte Andrea Olivari e in una lunga volata regola Marzio Deho e Giovanni Zamboni, giunti rispettivamente secondo e terzo al traguardo. In campo femminile non c’è storia. Corinna Ghirardi, sin dalle prime falcate, prende la testa della corsa in rosa e taglia il traguardo su Paola Pezzoli e Nicole Duci.

La cerimonia di premiazione si è tenuta all’aperto nel piazzale antistante il Rifugio, scelta obbligata dal gran numero di partecipanti, per il prossimo anno si parla di ampliamento del rifugio. Una splendida stellata e le luci della Valcamonica hanno contribuito a rendere emozionante le fasi di consegna dei premi a i vincitori e ai fortunati che si sono aggiudicati gli splendidi premi ad estrazione.