Banner alto

Banner alto

Campionati Europei – si alza il sipario su Vertical e Sky in Val Bognanco

Condividi su:

La seconda parte dei Campionati Europei di Skyrunning 2019 è in arrivo nella spettacolare valle di Bognanco, nei pressi di Domodossola, dove si disputeranno le discipline Vertical e Sky al Vertical Terme di Bognanco e La Veia SkyRace – o “sentiero dei contrabbandieri” – il 5 e 7 settembre.

Cristian Minoggio

L’italiano Cristian Minoggio, con una medaglia d’oro dell’Ultra della scorsa settimana in tasca, correrà tutte e tre le discipline. ©Walter Moroni

Dopo l’apertura di domenica con la Maga Ultra Skymarathon, è ora il momento di accogliere più di 300 atleti da 24 Paesi che parteciperanno ai prossimi eventi, duri e tecnici.

I 4000 delle Alpi dominano

Vertical e Sky si terranno in uno spettacolare anfiteatro montano al confine tra Piemonte e Svizzera, dove i 4000 m elvetici dominano le competizioni. Complessivamente 330 partecipanti da 24 Paesi saranno al via delle due gare.

Stian Angermund-Vik

Stian Angermund-Vik, Campione Mondiale di Combinata, sta puntando a un’altra doppia per la Norvegia. ©iancorless.com

Alcuni top runner parteciperanno ad entrambe le gare, come l’ex campione del mondo di Combinata, il norvegese Stian Angermund-Vik, che punta ad aggiungere il titolo europeo nel suo carniere. “Non vedo l’ora di correre La Veia Skyrace. Penso sia grandioso che Vertical e Sky dei Campionati Europei siano nello stesso posto” ha detto. “Secondo la mia esperienza finora le gare in Italia sono tecniche e ripide – proprio come piace a me”.

Il piemontese di Cannobio Cristian Minoggio, dopo aver vinto l’oro nell’Ultra domenica, affronterà anche queste due prove vestendo la maglia della nazionale italiana. Sicuramente un nome da tenere d’occhio.

Vertical

Giovedì 5 settembre il Vertical Terme di Bognanco parte dai bagni termali di Bognanco a 665 m di quota per salire di 1.100 m in soli 3,4 km e raggiungere 1.765 m. I record sono di 38’29” per gli uomini e 47’10” per le donne.

Gli specialisti dei Vertical Kilometer che saranno alla partenza includono la francese Christel Dewalle, gli italiani Nadir Maguet, Cristian Minoggio e Patrick Facchini, i norvegesi Stian Angermund-Vik e Eli Anne Dvergsdal, gli svizzeri Martin Anthamatten e Victoria Kreuzer, i giovani spagnoli Jan Margarit e Daniel Osanz e le svedesi Lina e Sanna El Kott.

Victoria Kreuzer

Victoria Kreuzer (SUI), specialista del Vertical è in cerca di una medaglia ai Campionati Europei di Skyrunning. ©Sportograf

La svizzera Victoria Kreuzer, atleta di altissimo livello, ha commentato “Sono molto motivata per correre al Vertical, poiché il vertical running è la mia passione e la mia disciplina preferita. L’Italia è il Paese che amo di più e scoprirò una nuova gara e una nuova regione. La cosa più bella è che correrò contro i migliori atleti d’Europa”.

La stella francese Dewalle, campionessa d’Europa nel 2017, ha dichiarato: “Non ho partecipato a molte competizioni internazionali quest’anno e sono contentissima di essere alla partenza di una gara di così alto livello internazionale”.

Sky – la gara decisiva

Dopo un giorno di riposo e relax alle terme di Bognanco, sabato 7 settembre è il turno della International Veia SkyRace. Con un percorso di 31 km e 2.600 m di dislivello positivo su sentieri, creste, morene e corde fisse, questa gara di vero skyrunning arriva a 2.450 m di quota, dove i 4.000 svizzeri coperti di neve dominano lo skyline. I record maschile e femminile sono stati stabiliti nella scorsa edizione in 3h00’09 e 3h23’27” rispettivamente. La Sky deciderà anche i titoli di Combinata.

Tra i contendenti per la Sky: Oscar Casal Mir da Andorra, Jakob Herrmann dall’Austria, Kiril Nikolov dalla Bulgaria, Holly Page e Hector Haines dal Regno Unito, Dimitris Seletis dalla Grecia, Cristian Minoggio e Daniel Antonioli dall’Italia, Stian Angermund-Vik e Eli Anne Dvergsdal dalla Norvegia, Jan Margarit, Zaid Ait Malek, Oihana Azkorbebeitia, Azara Garcia e Daniel Osanz dalla Spagna, Petter Engdahl e Fanny Borgström dalla Svezia e Roberto Delorenzi dalla Svizzera.

Zaid Ait-Malek

Zaid Ait-Malek, nel team spagnolo, non vede l’ora di gareggiare alla Veia Skyrace. ©iancorless.com

Lo skyrunner Zaid Ait Malek, marocchino di nascita, rappresenterà il team Spagna per la prima volta, dopo aver recentemente ricevuto la cittadinanza: “Sono felicissimo di partecipare ai Campionati Europei, specialmente perché sarò nel team spagnolo. È un onore essere parte di questa squadra e combatterò per essere tra i primi”.

L’italiano Daniel Antonioli è in striscia positiva dopo aver recentemente vinto Ultraks Extreme, Livigno Skymarathon e Maratona del Cielo. “La Veia SkyRace è per me un appuntamento imperdibile. È stata per me una grande emozione sapere che sarebbe stata Campionato Europeo e non vedo l’ora di correre con i colori della Nazionale Italiana”.

Le gemelle Lina e Sanna El Kott, stelle svedesi dello skyrunning, parteciperanno in entrambe le gare. “Ci siamo allenate bene a casa e credo che questa sia la miglior preparazione!” ha detto Sanna. “Dopo l’infortunio Lina cercherà di non strafare. Siamo molto entusiaste, sia per la zona, sia per correre contro atleti fortissimi”.

Sanna El Kott

Sanna El Kott dalla Svezia correrà con la sua gemella, Lina, ai Campionati Europei di Skyrunning 2019. ©iancorless.com

19 Paesi rappresentati

Quasi 150 atleti rappresentanti Team Ufficiali da 19 Paesi si batteranno per le 27 medaglie in palio per i Campionati nelle tre discipline: Andorra, Austria, Bulgaria, Repubblica Ceca, Finlandia, Francia, Regno Unito, Grecia, Ungheria, Italia, Macedonia del Nord, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Russia, Spagna, Svizzera e Svezia.

Alessandro Bragoni, organizzatore della Veia SkyRace ha commentato: “Ospitare i Campionati Europei di Sky e Vertical ha reso il nostro team organizzativo molto fiero. Siamo onorati da questo importante compito che l’ISF ci ha assegnato e noi e le nostre montagne siamo pronti ad accogliere grandi campioni dello skyrunning, che apprezzeranno le nostre montagne selvagge e i fantastici panorami che toccano i 4000 svizzeri”.

Titoli – come sono assegnati

Titoli individuali, nazionali e di combinata sono in palio e assegnano 27 medaglie tra le tre discipline.

Il titolo di Combinata si basa sui migliori risultati dei primi tre uomini e prime tre donne nel Vertical e nella Sky.

I Titoli Nazionali sono basati sui quattro migliori risultati, almeno uno per sesso, fatti segnare dai membri dei team ufficiali in ogni gara.

Dopo l’Ultra di domenica, la classifica per Paesi ha la Spagna in testa con 336 punti; Italia 318; Repubblica Ceca 246; Portogallo 198; Austria 146. Test antidoping Wada saranno effettuati ai Campionati Europei. La Veia Skyrace è un Certified Course dell’ISF.

Lascia il tuo commento