Banner alto

Banner alto

Campionati mondiali di skyrunning: arrivederci al 2021

Condividi su:

I campionati mondiali di skyrunning del 2020, programmati per il 10-12 luglio al Buff Mountain Festival nei Pirenei spagnoli, sono stati posticipati al 2021 nella medesima sede.

© Diego Escobedo

La decisione è stata assunta dall’International Skyrunning Federation insieme alla federazione spagnola Fedme, e agli organizzatori locali Oci Sport, a causa dei decreti governativi sulle restrizioni sanitarie e di viaggio. Con situazioni diverse nei diversi paesi, è stato impossibile confermare la data sperata per settembre ed è stato preferito un rinvio di un anno.

«Vogliamo comunicare una prospettiva positiva sulla data 2021 dei Campionati 2020. Avere più tempo a disposizione, significa più tempo per il nostro staff di concentrarsi, organizzare viaggi e supporto e per gli atleti di allenarsi – sempre con un occhio alle 27 medaglie in gioco», ha dichiarato Marino Giacometti, presidente di ISF.

I Mondiali del prossimo anno, la sesta edizione, saranno i primi ad essere aperti solo alle squadre nazionali ufficiali. Gli atleti si confronteranno nelle tre discipline skyrunning: verticale, sky e skyultra. Verranno assegnati titoli mondiali e 27 medaglie a singoli e squadre ufficiali, nonché un titolo combinato basato sui migliori risultati delle gare di Vertical e Sky.

La sede si trova nella magnifica Vall de Boí, una spettacolare arena naturale e patrimonio mondiale dell’Unesco, circondata da vette di 3.000 m e 200 laghi di montagna. Gli eventi 2020 sono ancora programmati per svolgersi il 4-6 settembre. Nel 2019 il Buff Mountain Festival ha attirato 3000 atleti e 15.000 spettatori.

Ulteriori dettagli sui Mondiali saranno annunciati in un secondo momento.