Banner alto

Banner alto

Corsini e Ghidini vincono la Ciaspalonga delle Marmarole

Condividi su:

17/02/2013 – La 2ª edizione della “Ciaspalonga delle Marmarole” si è conclusa con uno splendido bis del bresciano Alfredo Corsini. Nonostante l’abbondante nevicata che ha creato non poche difficoltà al team organizzativo costretto anche ad un cambio di percorso che riduceva la distanza di circa 4 km e il dislivello di qualche centinaio di metri, tutto si è svolto regolarmente

CIASPALONGA:

Lo start è stato dato pochi minuti dopo le 6 di mattina da Auronzo di Cadore, temperatura di -7 gradi e buio pesto! La fila di lampade frontali che imboccavano il ponticello sul torrente Ansiei e il rumore delle ciaspe sulle neve dura del mattino sono state uno spettacolo emozionante. Fin da subito il fortissimo trailer torinese Daniele Fornoni in coppia con Gianni Mores hanno dato un ritmo impressionante alla gara tanto che Alfredo Corsini del TEAM TSL vincitore della prima edizione lasciava il passo e scollinava al Pian dei Buoi con un paio di minuti di ritardo. Subito dietro Marco Zarantonello, Fabio Caverzan ed Enrico Testa. Nell’impegnativo tratto in discesa per la val Vedessana e per il famoso “burcio” che conduceva al ristoro del Caravaggio in comune di Calalzo di Cadore, Corsini riusciva a farsi sotto e al ristoro arrivava appaiato con Fornoni.

Il vincitore dell’anno scorso sembrava provato e mentre Fornoni si fermava solo il tempo di ricaricare la borraccia, Corsini si rifocillava e prendeva un po’ di fiato lasciando il ristoro circa un minuto dopo l’avversario. All’inizio della seconda salita da Calalzo a Pozzale i due però erano nuovamente appaiati e subito dopo Corsini decideva che era giunto il momento di dare sfogo a tutte le energie rimaste e transitava al rif. Antelao con ben 6 minuti di vantaggio su Fornoni. La lunga discesa verso Pieve i due l’hanno corsa a ritmi elevatissimi con Fornoni che cercava di recuperare il gap sull’avversario; un errore, un imprevisto e gli sarebbe stato nuovamente sotto.

Le gare con le ciaspole nascondono sempre delle insidie, se rompi l’attrezzo, rischi di rovinare tutto lo sforzo fatto fino a quel momento e così succedeva a Corsini che a Pozzale rompeva il perno delle sue TSL rischiando di compromettere una condotta di gara fantastica. Perdeva la metà del vantaggio accumulato ma seppur “zoppo” nella neve fresca del tratto finale riusciva a tagliare in modo trionfale il traguardo nella splendida cornice della piazza di Pieve di Cadore appositamente innevata per l’evento.

CLASSIFICA FINALE MASCHILE:

Incredibile tempo finale di Alfredo Corsini di 4h 19 minuti e 54 secondi per percorrere i 40km con quasi 2.500 metri di dislivello. Daniele Fornoni alla fine accusava 3 minuti scarsi di ritardo con una condotta di gara impeccabile. I due hanno dato vita veramente ad una bella sfida che ha tenuto il ritmo di gara altissimo e che ha creato una bella suspence per chi al traguardo ascoltava i passaggi comunicati via radio. Subito dietro il bellunese Gianni Mores correva in solitaria un’ottima gara e tagliava il traguardo terzo. A seguire Marco Zarantonello del Team Baldas che alla prima edizione era giunto secondo ma quest’anno nulla ha potuto nei confronti dei suoi fortissimi avversari e ha dovuto accontentarsi, si fa per dire, della quarta piazza. Bellissima gara anche di Fabio Caverzan che concludeva quinto anche quest’anno scalzo, rispettando la tradizione! Via via tutti gli altri con una splendida gara dell’atleta di casa Enrico Testa giunto settimo.

DONNE:

Bellissima prima parte di gara di Chiara Colonnello, vincitrice della passata edizione, che transitava al primo ristoro appaiata alla Lorenzi e nell’impegnativa discesa del “burcio” riusciva a guadagnare quasi 4 minuti ma sulla salita prima del rifugio Antelao la forte atleta bolognese riusciva a colmare il gap e a passare in testa. Tutti pensavano che in discesa la pordenonese del Montanaia Racing sarebbe riuscita a recuperare e a riprendersi la testa della gara e invece accusava dei problemi ai piedi con le sue nuove ciaspe e doveva arrendersi. Alla fine la Lorenzi tagliava trionfalmente il traguardo con 14 minuti sulla Colonnello. Terzo posto con una bellissima gara per la triestina Susanna De Giorgio che è riuscita caparbiamente a resistere al tentativo di recupero della forte atleta veneziana Monica Penzo alla fine giunta quarta a soli 3 minuti.

CIASPALONGA SHORT, VINCE GHIDINI:

Per quanto riguarda la Ciaspalonga short di 20 km che partiva a Calalzo alle 10 di mattina splendida gara dell’ “alpin de Berghem” Flavio Ghidini, ottimo quarto l’anno scorso nella gara lunga. L’atleta del TSL TEAM partiva forte e manteneva un rassicurante vantaggio lungo tutto il percorso su Luca Lupieri tagliando il traguardo in 2 ore e 7 minuti, alla fine i minuti di scarto tra i due sono stati quasi 11. Al terzo posto il giovane Luca Maset classe 1993!

In campo femminile non c’è stata storia per Gilda Pesenti del gruppo Runners Valbossa che vinceva agilmente con ben 35 minuti di vantaggio su Emanuela Zaetta, terzo posto per la cadorina Elena Da Ros.

 

Comunicato stampa di http://www.ciaspalonga.it

Nella foto: Alfredo Corsini