Banner alto

Banner alto

Alpini di Bergamo medaglia d’oro ai campionati italiani di corsa in montagna: Bosio, Ghidini e Armati

Bergamo protagonista alla trentanovesima edizione del campionato italiano A.N.A. di corsa in montagna a staffetta. Le gare sono andate in scena a Bedonia (Parma) domenica 21 giugno. Incetta di medaglie orobiche nelle varie categorie a partire dal trio Bosio Ghidini Armati che ha conquistato il titolo assoluto.

alpini_2015_photo_credit_Paolo_Valoti_campionato_italiano_corsa_in_montagna_ana_staffetta_Bedonia (39)

ph credit Paolo Valoti

Il gruppo bergamasco degli alpini è rientrato dalla provincia di Parma con il pieno di medaglie. A fregiarsi del titolo di Campioni italiani a staffetta 2015 sono stati infatti Danilo Bosio, Flavio Ghidini e Pierluca Armati. In seconda posizione (dietro a Bergamo) Belluno che ha schierato Damiano Fontanive, Paolo Gamberoni e Cristian Sommariva. Completa il podio delle penne nere Trento, con Mirko Penasa, Carlo Clementi e Andrea Stanchina. Ecco di seguito i risultati per ogni categoria, dove i bergamaschi riempiono il podio.

Prima categoria soci alpini: 1 Bergamo (Danilo Bosio, Flavio Ghidini, Pierluca Armati), 2 Belluno (Fontanive, Gamberoni, Sommariva), 3 Trento (Penasa, Clementi, Stanchina)
Seconda categoria soci alpini: 1 Trento (Corrado Berlanda, Michele Odorizzi, Fulvio Corradini), 2 Trento (Campestrini, Cavagna, Rosso), 3 Brescia (Bontempi, Arrighini, Bottarelli)
Terza categoria soci alpini: 1 Belluno (Giovanni Caldart, Ivo Andrich), 2 Bergamo (Antonio Baroni, Enrico Bigoni), 3 Bergamo (Ruggero Bassanelli, Mario Merelli)
Quarta categoria soci alpini: 1 Bergamo (Bonifacio Bergamelli, Luigi Filisetti), 2 Trento (Sonna, Brugnara), 3 Domodossola (Gambarri, Celmi)
Prima categoria soci aggregati: 1 Parma (Bonici, Bordi, Santini), 2 Modena (Corsinotti, Turchi, Barbuti), 3 Parma (Gatti, Gandi, Beltrami)
Classifica sezioni, Trofeo Ettore Erizzo: 1 Bergamo, 2 Brescia, 3 Trento.

Scarica qui la classifica completa del campionato italiano di corsa in montagna
Clicca qui per andare alla gallery fotografica, reportage a cura di Paolo Valoti.