venerdì, Agosto 19, 2022

Il commento del Cai Marone a margine della Trentapassi

Ecco il comunicato stampa dell’organizzazione (Cai Marone) a margine della Trentapassi.
Tante tantissime le emozioni che ieri sono state vissute a Marone; è difficile trovare le parole per descrivere quello che è stata la Trentapassi: troppi gli aggettivi che passano per la mente ma una cosa è certa è stata una grande Trentapassi Sky e Vertical Race che ha colpito tutti e ha lasciato il segno.
Era stato preannunciata un’entrata col botto per la neonata Vertical e così è stato… Dopo 40 minuti e 36 secondi il campione del Team La Sportiva, Urban Zemmer, ha fermato il cronometro e pochi minuti dopo è stato raggiunto dai compagni di squadra Marco Facchinelli e Marco Moletto.
Un grande podio festeggiato in vetta sotto lo sguardo dei tori Red Bull e con uno sfondo davvero speciale: il Lago d’Iseo più azzurro che mai e Monte Isola così vicina da poterla quasi toccare !
Un podio spaziale anche in campo femminile!  Samantha Galassi, Alice Gaggi e Sara Bottarelli sono loro le regine della Vertical che hanno tagliato il traguardo accolte da un pubblico caricatissimo ed euforico .
Nella Skyrace trionfa un ” Crazy” Gil Pintarelli che strappa di un soffio la vittoria al campione della edizione precedente Dennis Brunod che comunque si conferma in ottima forma precedendo Paolo Gotti.
In campo femminile si è imposta Cinzia Bertasa che si è lasciata sfuggire per soli 17 secondi il record del percorso; il secondo gradino del podio è stato conquistando da Lisa Buzzoni che fino al GPM (da lei conquistato) aveva sicuramente sperato di strappare lo striscione del traguardo. Terza Laura Besseghini che dopo una splendida stagione scialpinistica ha voluto lasciare il segno anche qui .
Oltre agli “extraterrestri” tantissimi altri atleti hanno liberato tutta la loro grinta e la loro passione per la corsa e la montagna: 311 atleti alle 9 e 30 erano schierati ad attendere lo sparo per la Skyrace mentre 80 stavano già facendo i conti con le pendenze della Vertical.
Due parole sono d’obbligo per provare a descrivere il calore con cui il pubblico ha incitato gli atleti: applausi alla partenza, un tifo da Pierra Menta ha trascinato gli atleti in vetta, campanacci nell’abitato di Zone e musica da campioni al traguardo a Villa Vismara.
La tanta fatica di tutti è stata ripagata dal dio Meteo che ha concesso il sole  (che non si vedeva da giorni); tutti i colori sono apparsi nella loro bellezza: l’azzurro luccicante del lago, il verde intenso dei sentieri e il blu terso del cielo; tutto reso ancora più vivace dalle quasi 500 magliette multicolore degli atleti.  Quindi una giornata fantastica anche metereologicamente parlando tanto che gli organizzatori hanno trasformato il motto: AND THE SKY HAS NEVER BEEN SO TRUE AND BLUE!
Una festa all’arrivo ha atteso tutti gli atleti: musica e birra  hanno fatto da sfondo alle tante belle parole spese da tutti.
Un Grazie a tutti i volontari che dall’elicottero sembravano piccole formichine ma che in realtà hanno reso grande le Trentapassi con il loro prezioso aiuto lungo tutto il percorso. Grazie a loro gli atleti liberi da tutte le preoccupazioni si sono potuti scatenare regalandoci un fantastico spettacolo.
Quello che è certo è che quest’anno la Trentapassi Sky e Vertical Race ha lasciato un segno a tutte le persone coinvolte: atleti, volontari, organizzatori, amici, parenti, follower di Facebook e Twitter!
Un fantastico ricordo che siamo certi riporterà tutti a Marone nel 2014.
Per Trentapassi Skyrace & Vertical
Addetta Stampa
Stefania Salvalai
(Immagini di Mirko Sina e Marone a Colori)

ARTICOLI CORRELATI

Most Popular