fbpx
martedì, Luglio 16, 2024

Il corridore nepalese Suman Kulung si aggiudica la Strafexpedition

Strafexpedition 2024

Strafexpedition 2024 Asiago

La cronaca di tutte le gare di Asiago:

Strafexpedition day 1

Kulung non tradisce le attese

Era la grande attrazione dell’edizione 2024 della Strafexpedition e Suman Kulung non ha tradito le attese. Reduce dalla vittoria nell’Everest Trail Race, la gara ad alta quota più dura del mondo, il corridore nepalese ha onorato in pieno il suo impegno nella classica veneta, dando vita a una sfida al cardiopalma con Ivan Geronazzo per la conquista del successo.

Nel percorso Extreme su 43 km per un dislivello di 2.223 km, con partenza dal Passo Vezzena a Levico (TN) e conclusione in Piazza Duomo ad Agiago (VI), Kulung ha fatto fermare i cronometri sul tempo di 4h17’10” con 1’03” sul rivale del Team Scarpa. Grande prestazione anche di Alberto Freschi (Atl. Dolomiti Friulane) a 1’35” e di Samuele Raffaelli (Gs Avis Aido Urbino) quarto a 2’11”, gli altri con distacchi superiori ai 20 minuti. Nella gara femminile netto successo di una specialista come Silvia Serafini, prima in 6h01’48” precedendo di 15’53” Ilaria Fecchio e di 16’27” Ilaria Balbo.

Il programma della Strafexpedition va avanti anche alla domenica. Alle 9:00, sempre da Piazza Duomo, verrà dato il via al percorso medio di 25 km per 1.112 metri, in contemporanea con quello di 12 km per 445 metri che sarà anche non competitivo. Considerando la vera invasione di podisti registrata per il tracciato lungo, sarà anche quello domenicale un vero caleidoscopio di maglie colorate e un pieno di emozioni lungo tutto il bellissimo percorso disegnato fra i sentieri dove si combatté la Grande Guerra.

Strafexpedition day 2

Girard chiude da par suo la Strafexpedition

Dopo le grandi emozioni della gara lunga, la Strafexpedition 2024 ha chiuso i battenti con le prove della domenica, dove lo spettacolo non è certamente mancato, né i personaggi a cominciare dal vincitore della gara di 25 km per 1.112 metri. Si tratta di Gregory Renaud Girard, non solo specialista francese tesserato per l’Emme Running Team ma anche amministrazione delegato di un’azienda leader nel ciclismo come Miche. Girard ha completato la gara in 2h13’29” rifilando ben 4’25” a Leonardo Casentini e 9’04” a Gabriele Bagattin. Fra le donne successo per Lucia Forte (Runners Team Zané) in 2h35’57” davanti a Sabrina Roncaglia (Aaa Malo) a 14’46” e a Maria Mattiotti a 30’36”.

Nel percorso di 12 km per 445 metri che era anche non competitivo, primo Tommaso Lotto (Atletica Vicentina) in 57’53” con appena 3” su Simone Tibaldo (Vicenza Marathon), terzo posto per Marco Colussi (Sci Cai Schio 1910) a 1’39”. A Mariachiara Silvestrini (Vis Abano) la gara femminile in 1h11’31”, alle sue spalle Maria Angela Mauri (Vicenza Marathon) a 7’14” e Erica Greco (Atletica Vicentina) a 8’20”.

Chiude così i battenti un’edizione davvero speciale del trail disegnato sui percorsi della Grande Guerra, illuminato sabato dall’impresa del campione nepalese Kulung nella prova Extreme. Per la Sportiva 7 Comuni l’estate agonistica va però avanti perché si profila all’orizzonte l’appuntamento de La Vaca Mora, in programma il prossimo 3 agosto. Grazie a tutti coloro che a vario titolo hanno dato il loro contributo in questo lungo weekend di passione e di corsa, confermatosi un riferimento nel mondo dell’offroad.

RELATED ARTICLES

Most Popular