mercoledì, Agosto 10, 2022

Il Trail del Formico raccontato da Giorgio Pesenti

Fine settimana da incorniciare per la Valetudo Skyruninning Italia che porta a casa un altro successo anche in terra bergamasca, più precisamente al Trail del Formico dove si è imposto Clemente Belingheri, campione italiano in carica di ultraskymarathon.
Domenica 27 aprile alle ore 09.30 è iniziata dalla conca del Farno in Val Seriana provincia di Bergamo la battaglia podistica di questa seconda edizione del Trail del Formico, la forte perturbazione annunciata per quest’ultimo fine settimana di aprile ha tenuto lontano la massa dei trailers, ma comunque sul nastro di partenza si sono presentati 60 corridori e tra questi temerari molti erano top runner delle corse del cielo. Gli organizzatori giustamente hanno diminuito la distanza della gara portandola dai 22 km previsti a 16 km con un centinaio di metri in meno di dislivello sui mille del tracciato originale, ma anche con questa distanza più breve il trail alla fine è risultato molto impegnativo e interessante dal punto di vista naturalistico oltre a fornire ai polmoni degli atleti ossigeno purissimo.
Le quattro gocce di pioggia cadute e i piccoli chicchi di tempesta non hanno creato nessun problema ai runners anzi ha reso i passaggi sulle crestine e i tratti di discesa molto più tecnici, trasformando il trail in una skyrace. Peccato per i volontari che prestavano assistenza sul percorso perché si sono mangiati un sacco di freddo e sono scesi tutti bagnati fradici, grazie di cuore a queste brave persone. Il baluardo da superare per due volte è stato la cima del Pizzo Formico che con i suoi 1636 metri sul livello del mare, è la cima più alta della catena prealpina che sovrasta la media Valle Seriana, peccato che le nuvolacce abbiano reso umido il percorso per cui non abbiamo potuto ammirare i bei panorami che si godono da lassù.
Per l’assegnazione delle posizione di vertice maschile la lotta è stata assai cruenta e con la lingua fuori dalla bocca, i primi tre arrivati hanno avuto un distacco in classifica generale di soli 33 secondi, nel tratto più tecnico della discesa finale l’ex campione del mondo dell’Orobie Skyraid Fabio Bonfanti ha tentato il tutto e per tutto con un funambolico attacco. Ma l’aquila Valetudo di Colere Clemente Belingheri ha inserito il turbo nell’ultimo chilometro di discesa. Nei metri finali ha fatto uno sprint alla Cipollini e non si è fatto sorprendere dalle velleità di vittoria di Bonfanti. Il campione italiano in carica di ultraskymarathon Clemente Belingheri ha vinto con il time di 1h26’00”, 2° Fabio Bonfanti in 1h26’03”, 3° Patrik Nicolini in 1h26’33”, 4° Riccardo Faverio in 1h27’29”, 5° l’aquila Valetudo Luca Carrara in 1h28’11”, gli altri risultati Valetudo: 9° Vincenzo Persico in 1h34’36”, 24° Luca Boffetti in 1h43’44”, 53° Giorgio Pesenti in 2h11’40”. Nel trail rosa successo per Silvia Cuminetti in 1h54’38”, 2ª Marzia Franceschini in 1h59’06”.
GiorgioV

ARTICOLI CORRELATI

Most Popular