Banner alto

Banner alto

In Val Grande il podio femminile è tutto Valetudo

Condividi su:

Vertical Cossogno, 1 maggio 20132 – Oggi primo maggio festa del lavoro si è corsa la 7^ edizione del vertical di Cossogno nel parco nazionale della Val Grande in provincia di Verbania. La scalata a cronometro di km 5,8 per un dislivello di mille metri aveva lo start alla centrale idroelettrica di Ramolino e il suo finish era posizionato sul monte Todum a quota 1298 sul livello del mare. Stamattina alle ore 9.00 a Cossogno si sono presentati al via 217 atleti, un mix di corridori della corsa in montagna e dello skyrunning, ormai però siamo diventati corridori del cielo grigio e piovoso, e nel bel paese dove la canzone simbolo è “o sole mio” purtroppo se va avanti così dovremo sostituire la nostra canzone più famosa al mondo con quella dell’eterno ragazzo “scende la pioggia”.

Questo vertical di 1000 metri ha un tracciato molto lungo nel suo sviluppo, la parte iniziale e quella intermedia è molto corribile e risulta adatto a chi frequenta la corsa in montagna mentre quando si esce dalla boscaglia il sentiero si impenna e diventa un tracciato adatto a chi corre i vertical della federazione Italiana di skyrunning. Terminata la fatica odierna, in vetta al Todum lo spettacolo è stato davvero grande come il suo parco, il secondo lago d’Italia “il maggiore o Verbano” ha mostrato tutta la sua grazia e la sua bellezza naturale e nonostante il cielo all’inglese il fascino lacustre è stato molto affascinate.

Nell’ascesa rosa il podio è completamente della Valetudo skyrunning rosa la winner Emanuela Brizio ha vinto con il time di 54’15”, argento per Marina Plavan in 56’48” e bronzo per Cecilia Mora in 57’07”, 15^ assoluta e prima della categoria over 50 Carmela Vergura con 1h05’14”.

Nel vertical maschile 1° Moletto Marco time 40’44” team Deagonero Caragliese, 2° Piana Rolando GSD Genzianella 42’28”, 3° Bernardi Mauro ATL. Avis Ossolana 43’04”, seguono i Valetudo 116° Pesenti Giorgio 1h04’15”, 135° Passeri Davide 1h08’14”.

Giorgio Pesenti
(Foto by Valetudo)