Banner alto

Banner alto

La Sportiva Akasha 2016 – La leggerezza affidabile

Che sia una passeggiata vicino a casa o una corsa di lunga distanza, abbiamo incontrato delle compagne fidatissime: La Sportiva Akasha.

La Sportiva Akasha 2016 - visione laterale

La Sportiva Akasha 2016 – visione laterale

Che cosa sono. Si tratta di calzature da mountain running, concepite per l’ultra distanza. Oltre a una massima ammortizzazione, quanto mai fondamentale per affrontare gare di endurance e lunghi allenamenti, La Sportiva Akasha garantiscono anche un peso piuma di 560 g (taglia 38 da donna), come suggerisce anche il nome che, in sanscrito, indica la leggerezza dell’etere. La casa madre ne sottolinea gli ampi volumi che un piede magro normalmente non predilige, ma in una gara di ultra distanza possono fare comodo. E così è stato.

Che cosa hanno in più. Una calzata perfetta, grazie alla tomaia slip-on, che in italiano suona forse meno bene, ma rende certamente l’idea: una pantofola. La sensazione di estremo comfort è favorita anche dal Cushion Platform™, l’inserto plantare che ne massimizza l’ammortizzazione. Considerato l’utilizzo offroad, le Akasha sono dotate del sistema Dynamic ProTechTion™ e cioè dei rinforzi nella zona anteriore, in grado di assecondare il movimento, proteggendo da possibili urti. Infine, La Sportiva ha pensato a una suola grippante, dotata della tecnologia Trail Rocker™ per favorire un’andatura naturale e più efficace.

La Sportiva Akasha 2016 - tassellatura della suola.

La Sportiva Akasha 2016 – tassellatura della suola.

Come si sono comportate. Il terreno di gioco della Cortina Trail risulta piuttosto facile per chi, come me e i tanti bergamaschi presenti, è abituato ad allenarsi sui sentieri orobici: sulle Dolomiti si arriva a 2.500 m attraverso autostrade, non single-track e ghiaioni di massi giganti. Questo ha reso possibile una prova intensa delle scarpe Akasha, soprattutto nella corribile discesa finale, dove saltellando fra una radice e un sasso, ho guadagnato le posizioni che, come al solito, avevo perso in salita. La suola FriXion XT ha tenuto senza sbavature, assecondando la veloce discesa, in cui anche il sistema di ammortizzazione ne è uscito a pieni voti.

La Sportiva Akasha 2016 - visione posteriore.

La Sportiva Akasha 2016 – visione posteriore.

La sorpresa. La preparazione per questa gara è stata a dir poco sommaria e il chilometraggio corso con le Akasha, prima di affrontare la Cortina Trail, troppo scarso. Oltre a ciò, il giorno prima della partenza ho pensato bene di acquistare un paio di calzini nuovi e non ho resistito alla tentazione di indossarli. Tutto ciò che non si dovrebbe mai fare! È così che, quando ho intravisto i concorrenti davanti a me gettarsi senza troppi complimenti nelle acque di un gelido torrente, ho temuto il peggio: scarpe semi nuove + calzini nuovissimi + piedi bagnati sono un cocktail quasi certo per ottenere delle insidiose vesciche! Invece, non solo il guado ha fornito un trattamento spa anti-crampi ma, incredibilmente, i miei piedi non hanno riportato alcun segno di sofferenza! Quindi, La Sportiva Akasha sono indubbiamente promosse a pieni voti!

akasha_la_sportiva_test_2016

Altri pareri. Altri usi. Per completare la presentazione, abbiamo chiesto a un pro-user del calibro di Lisa Buzzoni di raccontarci un aspetto della sua corsa con La Sportiva Akasha. Inoltre, in redazione, abbiamo provato la scarpa di La Sportiva durante un trekking di media distanza. Ecco come è andata!

L’atleta pro: Lisa Buzzoni, la guerriera delle skyrace

Appena la si calza si capisce che è una scarpa molto ammortizzata, morbida e davvero comoda! Pensavo che questo andasse a discapito della reattività, invece è molto ben bilanciata e durante la corsa mantiene flex e cushoning equilibrati. Avvolge bene il piede e lo tiene protetto proprio come deve essere per le lunghe distanze.

Trekking medio-lunghi: il comfort non si smentisce

Per trovare un’avventura non serve andare lontano, così ci siamo dedicati mezza giornata sui sentieri di casa, per un trekking da affrontare con la scarpa La Sportiva Akasha. Su ogni tipo di terreno e anche su bagnato, la tenuta è sempre stata ai massimi livelli, ma ciò che più colpisce di questa scarpa è indubbiamente la sua comodità anche dopo molte ore di utilizzo. Caratteristica che ben giustifica la preferenza di diversi atleti di ultra distanza verso questo modello di La Sportiva. Un’avvolgente calzata in ogni zona del piede favorisce una sensazione di controllo e di grande comodità e dona la sensazione di un fit praticamente su misura! La scarpa non è troppo alta e protettiva sulla caviglia e questo la rende adatta soprattutto a runner esperti alla ricerca di una scarpa performante o a trekker che affrontano i sentieri con una velocità più controllata.

[smart-grid row_height=”170″ mobile_row_height=”170″ captions=”false” title=”false” share=”false”]


[/smart-grid]

La Sportiva Akasha sono disponibili a un prezzo di 149,00 euro, in due varianti di colore nella versione femminile e tre in quella maschile.

Sara Taiocchi / Enula Bassanelli