Banner alto

Banner alto

Luca Carrara si avvicina al podio all’Eco Trail de Paris

Sotto un cielo bianco e coperto, a Parigi ha preso il via uno dei più importanti trail in Europa, con il fascino dell’arrivo posto ai piedi della Tour Eiffel.

Parigi 2015 Eco Trail de Paris Luca Carrara photo credit Cristophe Guiard

photo credit Cristophe Guiard

Sabato 21 marzo. Per 8.000 iscritti questo è il momento atteso di iniziare un’avventura nei boschi intorno alla capitale con quattro possibili distanze da affrontare: 30 km, 50 km, 80 km e 30 km nordic walking.

Ore 10.45 la partenza dai giardini Versailles, un bellissimo giro attorno alle residenze reali prima di assaporare i passaggi più tecnici del trail attraversando colline e percorsi rurali nel massimo rispetto ecologico. La manifestazione ha richiamato atleti di altissimo livello e di caratura internazionale. Al comando, nella 50 km, un gruppo di atleti di varie nazionalità, tra i quali Luca Carrara del Team Mammut – Libertas Vallesabbia, si è dato battaglia fino all’ultimo.

Nei dieci km finali, il percorso segue le anse della Senna trasformandosi in una sorta di urban trail. I ritmi, per quanto la stanchezza si faccia sentire, diventano ancora più scanditi. A fare la differenza, allora, sono delle inezie: una curva stretta, una rampa di gradini prima dell’arrivo e la lucidità di non mollare fino all’ultimo per raggiungere il miglior risultato dopo 50 km di fatica.

La vittoria è andata a Romualdo De Paepe che ha chiuso in 3h24’05”. Samir Baala è arrivato secondo seguito dal tedesco Martin Schedler vincitore dello scorso anno. Per il bergamasco Luca Carrara un altro bel risultato in questo 2015, ad un paio di minuti dal podio in quinta posizione chiudendo tra l’incitamento della folla presente al Quai Branly.

«Sono felice di essere tornato a correre a Parigi – ha commentato Luca Carrara -, il percorso è magico. Sembra di correre nella natura e nella storia, così alla fine, ai piedi della Tour Eiffel, guardando le scarpe impolverate non c’è bisogno di chiedersi il perché di tanta fatica. Sinceramente non mi aspettavo di riuscire a cogliere questo prezioso risultato. Il livello dei partecipanti era molto alto».

Al femminile vittoria per Laurence Klein in 4.01.29. Quinto posto per l’italiana Francesca Canepa.