fbpx
martedì, Febbraio 20, 2024

Maratona di Reggio Emilia: vittoria di Giuseppe Giarratana e Federica Sugamiele

Doppiette italiane e per lo più Siciliana nella 27esima edizione della Maratona di Reggio Emilia Città del tricolore. Sono state infatti Giuseppe Giarratana e Federica Sugamiele a dominare la Maratona di Reggio Emilia 2023 con partenza e arrivo nella centrale piazza della Vittoria.CLASSIFICA

maratona di reggio emilia 2023


In una mattinata fredda, ma soleggiata ed a tratti ventosa, la gara ha ricalcato le caratteristiche del percorso dell’anno scorso, ritrovando certamente quei contenuti ambientali e agonistici che hanno portato alla ribalta sin da subito l’atleta siciliano della Aeronautica militare Giarratana, alla terza maratona in carriera. Dopo il vittorioso esordio a Torino e il tredicesimo posto a Milano, ha subito inferto un ritmo insostenibile per gli avversari alla Maratona di Reggio Emilia 2023, capitanati da un romano Luca Parisi e dal ruandese Jean Baptiste Simukeka.

Passaggio, a metà gara in solitudine, in un 1.07.51 per l’allievo di Gaspare Polizzi, che nella seconda parte di gara, ha cambiato ancora le frequenze e per un po’ ha coltivato anche l’idea di migliorare il primato personale di 2.13.01, siglato nell’esordio vincente di Torino nel Novembre di un anno fa, alla fine ha chiuso vittorioso in 2.13.59 e che lo colloca ancora al ottavo posto delle liste italiane dell’anno e soprattutto ancora una volta protagonista nella scena della maratona italiana. La vittoria italiana mancava a Reggio del 2016, quando vinse il suo ex compagno di squadra Francesco Bona porta colori, all’epoca dell’Aeronautica militare. Alle sue spalle al termine di un duello che si è consumato fino all’ultima battute il Romano Luca Parisi che ha avuto ragione nell’inossidabile, fedelissimo della maratona il ruandese Jean Baptiste Simukeka.

Ha gioito il pubblico Reggiano per l’ottimo quarto posto all’ennesima maratona, sempre e solo a Reggio, di Simone Corsini che ha chiuso quarto ai piedi del podio. Buono l’esordio del genovese Emanuele Repetto in 2.31.06.

Alla seconda maratona in carriera Federica Sugamiele, al termine di una condotta di gara attenta ed equilibrata, ha saputo mantenere il controllo della prova che nella prima parte di gara, fino al trentesimo kilometro, ha visto l’egemonia di Nataliya Lehonkova, l’Ucraina che era alla sua prima maratona italiana, nonostante una condotta di gara che la vedeva candidata alla vittoria, ha dovuto soccombere al rientro dell’atleta siciliana. Sulla scia dell’atleta dell’est, nata in Kazakistan, ci ha provato a rimanerci anche la keniana, all’esordio sulle strade reggiane, Lenah Jerotich, L’effetto è stato che entrambi hanno patito il freddo, l’andatura e patendo soprattutto la rimonta dell’atleta allenata da Gaspare Polizzi.

Con un finale debordante è andata a cogliere la ventunesima vittoria italiana, la prima in carriera, la seconda esperienza sulla distanza, arricchita e impreziosita dal primato personale ora 2.31.35. Per l’atleta della Caivano Runner un ulteriore stagione dove già si era migliorata in pista sulla dieci km e nella mezza maratona. A completare il podio, a debita distanza, con un tempo di 2.42.41 la keniana Lenah Jerotich, seguita dall’ucraina Nataliya Lehonkova con 2.50.03. Successivamente ha concluso la prima delle romagnole in gara nonché seconda tra le italiane, Federica Moroni della Gabbi asd, e quindi un’altra azzurra ossia Silvia Luna che veste i colori della Grottini Team con 2.53.59. Prima delle Reggiane, la sedicesima Lorena belli dell’atletica Reggio che ha chiuso in 3.12.40, preceduta per tre secondi dall’inglese che ha costruito la sua storia di maratoneta proprio a Reggio: Jane Thompson.

Paolo Manelli, presidente della Tricolore Sport Marathon, che ha organizzato l’evento, commenta: “Cosa dire di questa meravigliosa giornata… è stato tutto molto bello, la gente ha apprezzato la gara e possiamo dire che è andato tutto bene. Grazie ai tantissimi volontari che ci hanno aiutato, grazie alle associazioni sportive, a tutti gli sponsor e a tutti quelli che in un modo o nell’altro hanno collaborato a questo meraviglioso evento… ci vediamo l’8 dicembre 2024”.

PODIO MASCHILE: Giuseppe Gerratana (Italia) – 2.13.59, Luca Parisi (Italia) – 2.24.50, Jean Baptiste Simukeka (Rwanda) – 2.25.09

PODIO FEMMINILE: Federica Sugamiele (Italia) – 2.31.35, Lenah Jerotich (Kenya) – 2.42.41, Nataliya Lehonkova (Ucraina) – 2.50.03

RELATED ARTICLES

Most Popular