fbpx
martedì, Luglio 16, 2024

Pizzo Stella Skymarathon: la sesta tappa di Skyrunning Italy Cup inaugura il nuovo tracciato

PIZZO STELLA SKYMARATHON 2024

Pizzo Stella Skyrunning
Pizzo Stella Skyrunning | foto by Francesco Bergamaschi

Cresce l’attesa in Valchiavenna per la nona edizione della Skyrace lombarda che si correrà a fil di cielo attorno ad una delle cime più significative delle Alpi Retiche – il Pizzo Stella – su un tracciato di alta montagna che sfiorerà quota tremila. Appuntamento a domenica 14 luglio a Campodolcino (So) per un’edizione ricca di fascino e novità.

Pizzo Stella Skyrunning

La Pizzo Stella SkyMarathon entra per il primo anno nel circuito FISky di Coppa Italia “Crazy Skyrunning Italy Cup 2024” con un’edizione destinata ad entrare negli archivi dello Skyrunning fra le gare di maggiore spessore e prestigio: la Skyrace, a cura dal 2015 del gruppo sportivo Asd Amici di Fraciscio, si presenta all’esordio nel circuito federale con una nuova proposta che eleverà i gradi della gara facendola entrare di diritto nella categoria SkyMarathon.

Pizzo Stella Skyrunning

Saranno, infatti, 42 i chilometri che condurranno gli atleti a completare il suggestivo anello attorno al Pizzo Stella, la cima maestosa che dall’alto dei suoi 3163 m domina le valli che la gara lambirà, attraversando i diversi Comuni della Valchiavenna: Campodolcino, San Giacomo Filippo, Piuro e per la prima volta anche Madesimo, dove la tracciatura si inerpicherà fino a raggiungere il Pizzo Groppera (2.948 m), nonché la quota massima del percorso.

Pizzo Stella Skyrunning

Saranno ben 3600 i metri di dislivello positivo che gli atleti dovranno affrontare, per la gran parte tutti da correre a passo ben saldo su sentieri di montagna con tratti impegnativi sia in salita che in discesa, dove non mancheranno tratti attrezzati con corde fisse, attraversamento di nevai, cenge esposte, ripidi pascoli e pietraie; il nuovo percorso disegnato dall’organizzazione aggiungerà al tracciato tradizionale ben 7 km, e relativi 950 m di dislivello positivo ed andrà ad aumentare in modo sostanziale la difficoltà della prova, rendendola il terreno di sfida ideale per i migliori Skyrunner nazionali presenti al via per difendere o migliorare le proprie posizioni nella classifica generale di Coppa Italia “Crazy Skyrunning Italy Cup 2024”.

Il circuito federale, con la Pizzo Stella Skymarathon 2024, supererà il giro di boa dopo le tappe corse in occasione Trail dei Corni (CO), Villacidro Skyrace (SU), Trofeo Dario & Willy (LC), Monte Zerbion Skyrace (AO) e SkyRace del Mammut (AQ).

Pizzo Stella Skyrunning

Dopo sei prove disputate, la Coppa Italia vede Simone Valsecchi condurre la classifica con 326 punti ed, al femminile, Elisa Pallini (ASD Pegarun) con 388 punti; Giacomo Forconi (288 ASD Falchi di Lecco) Aurora Bosia (272 ASD Falchi di Lecco) seguono in seconda posizione davanti a Sergio Bonaldi (256 LAB$YOU) e Roberta Jacquin (238 ASD Pegarun).

PIZZO STELLA SKYMARATHON 2024 6A PROVA CRAZY SKYRUNNING ITALY CUP

Le iscrizioni alla gara del 14 luglio sono aperte fino al 10/07 o fino ad esaurimento pettorali: info Pizzo Stella Skymarathon sul sito web https://www.pizzostellaskyrunning.it/skymarathon/.

TUTTO PRONTO

È tutto pronto per la nona edizione della gara che ha come simbolo il Pizzo Stella, organizzata dall’A.S.D. Amici di Fraciscio e a calendario per domenica 14 luglio 2024 a Fraciscio – Campodolcino (SO). Alla grande novità di quest’anno, cioè la SkyMarathon da 42 km e 3600 metri di dislivello positivo (sesta tappa del circuito di Coppa Italia FISky), si affianca la classica e apprezzata SkyRace da 20 km e 1600 metri D+. Tra i tanti atleti al via sulla nuova, eroica 42 km, anche il bergamasco William Boffelli.

pizzo stella skyrace denisa dragomir

Per quanto riguarda le iscrizioni, per avere il pettorale con il proprio nome stampato è fondamentale registrarsi entro e non oltre la mezzanotte di mercoledì 10 luglio. Anche i ritardatari e gli indecisi avranno però la possibilità di partecipare, con pettorale generico, iscrivendosi in loco la mattina stessa della gara, presentandosi con tutto il materiale e la documentazione completa, almeno mezz’ora prima della partenza.

I FAVORITI SULLE DUE DISTANZE

Non sarà facile per il local e campione Daniel Antonioli salire, per la quarta volta, sul gradino più alto del podio. A mettergli i bastoni tra le ruote niente meno che William Boffelli che ha da poco confermato la sua presenza sulla nuova distanza. Oltre a lui, a puntare alto, ci saranno anche l’argentino Sergio Gustavo Pereyra, medaglia d’argento nel 2023, e il falco lecchese Danilo Brembilla. Outsider ma da non sottovalutare Sergio Bonaldi e Stefano Butti. Al femminile sfida apertissima tra la neo laureata campionessa italiana FISky per la specialità Skymarathon Roberta Jacquin, l’evergreen Elisa Pallini (entrambe team dell’aquila Pegarun) e Giulia Saggin.

Pizzo Stella Skyrace

Nella competizione da 20 km Lorenzo Beltrami, favorito, potrebbe essere insediato dall’elvetico Francesco Ceschi. Tra le donne spicca il nome di Elisa Sortini che, visto il buono stato di forma, potrebbe mettere facilmente il sigillo sulla distanza. Ad attendere un suo passo falso, nel tentativo di strapparle il gradino più alto, ci sarà Arianna Oregioni.

LE GARE

Pizzo Stella Skymarathon: 42 km e 3600 metri D+

Panorami a 360 gradi sulla Valle Spluga, ripidi pendii, spettacolari passaggi a fil di cielo e suggestive creste aeree. Sono gli ingredienti della new entry 2024 che va ad aggiungere altri 7 km e 950 metri di dislivello positivo (tutti in un’unica impegnativa salita) al tradizionale tracciato da 35 km e 2650 metri D+, trasformandolo in una lunga, epica cavalcata da 42 km e 3600 metri D+. Testato da Daniel Antonioli, tra i favoriti al via e già vincitore di tre edizioni, è una gara per veri scalatori del cielo. Rimane confermato il GPM al Pizzo Sommavalle.

Pizzo Stella Skyrace

Pizzo Stella Skyrace: 20 km e 1600 metri D+

Più easy e accessibile anche ad atleti di medio livello, ma non per questo da sottovalutare, la SkyRace si svolge interamente sul territorio del comune di Campodolcino e raggiunge quota massima al Passo dei Camini a 2370 metri. Più veloce e scorrevole rispetto alla gara regina, quest’anno è stato modificato il tratto finale del percorso, che non passa più dal centro di Campodolcino ma scende direttamente dall’Alpe Motta a Fraciscio su una pista battuta, evitando così la risalita finale, tanto amata e odiata dagli atleti.

RELATED ARTICLES

Most Popular