Banner alto

Banner alto

Ponte nel Cielo Run nel segno di Michele Boscacci ed Elisa Sortini

Condividi su:

PONTE NEL CIELO RUN 2020 – CAMPO TARTANO (SO)

Emanuele Manzi, Valentina Belotti sulla Vertical, Michele Boscacci e Elisa Sortini alla Ponte del Cielo. Missione compiuta, grazie al lavoro straordinario del comitato organizzatore per rispettare le strettissime normative anti Covid e garantire la sicurezza dei 300 atleti e del pubblico. Al di là delle performance sportive, vera vincitrice è risultata la Valtartano, con le sue frazioni e i suoi borghi. Angoli di paradiso dove il tempo sembra essersi fermato. Usare il volano sportivo per promuovere un turismo ecosostenibile è la felice intuizione di Marco Dell’Acqua, presidente di Pro Valtellina.

ponte nel cielo run boscacci
Lo scialpinista dell'Esercito Michele Boscacci che si invola verso la vittoria nella seconda edizione della Ponte nel Cielo. Taglierà il traguardo in 34'42" | photo credit Maurizio Torri

Ponte nel Cielo Run

217 runner si sono dati appuntamento al campo sportivo di Campo Tartano per la seconda edizione di questa kermesse voluta da Pro Valtellina e che ha trovato il supporto di diverse associazioni locali. Il tracciato, eccezion fatta per una leggera modifica in fase finale, era quello testato e promosso sul campo lo scorso anno: 7 km (400 m d+). Unica miglioria, l’arrivo posto proprio all’imbocco del Ponte nel Cielo da cui prende il nome la gara. Partiti alle ore 15 con mascherina allacciata per i primi 500m, i concorrenti dell’edizione 2020 si sono ben presto sgranati sulla strada vecchia che li ha portati in direzione Tartano. Davanti a dettare i tempi si è subito messo l’atleta del Cs Esercito di Courmayeur Michele Boscacci.

Al passaggio della vecchia galleria e nella successiva discesa verso il Ponte della Corna l’azzurro di skialp ha mantenuto il vantaggio acquisito. Anche al femminile si è praticamente corso per la seconda piazza con Elisa Sortini che dopo il secondo posto centrato nella vertical della mattina ha subito aperto il gas mettendo il successo in cassaforte. Per le posizioni di rincalzo la gara è poi entrata nel vivo nella muscolare risalita verso località Foppa e nella successiva discesa a Frasnii.

Al traguardo arrivo in solitaria per Michele Boscacci (34’42”). Alle sue spalle seconda piazza di giornata per Luigi Pomoni (36’12”) mentre terzo si è piazzato il giovane galbiatese Andrea Rota (36’21”9. A seguire, hanno staccato un posto nei migliori 10 anche Francesco Bongio, Mirko Bertolini, Francesco Bergamaschi, Carlo Barilani, Michele Gianola, Alessandro Spini e Abdelhhak El Jandari.

Al femminile riconferma di Elisa Sortini (42’47”) davanti a Sveva Della Pedrina (47’32”) e Alice Testini (49’21”). Nella top ten di giornata Francesca Galli, Arianna Tagliaferri e Noemi Gianola, Erica Bianchi, Angela Locatelli, Cinzia Pomoni e Claudia Brambati.

Ponte nel cielo run e sostila vertical belotti
La mountain runner Valentina Belotti va a vincere la Sostila Vertical classificandosi sesta assoluta| photo credit Maurizio Torri

Sostila Vertical Race

Emanuele Manzi & Valentina Belotti, come da pronostico alla Sostila Vertical. Buona la prima per la nuova gara 2020 con start in località Sirta e arrivo alla Culmine di Tartano. New entry che ha richiamato ai blocchi di partenza una novantina di concorrenti. Tra loro alcuni atleti di ottimo livello e tanti amatori. Per tutti, mascherina ben allacciata nei primi 500 m e via sulle serrate rampe della bellissima e incontaminata Val Fabiolo. Da affrontare vi erano 6.2 km (circa 1000 m di dislivello positivo).

Se nella pancia del gruppo alcuni hanno potuto godere le bellezze del paesaggio che ha regalato loro suggestivi panorami che spaziavano dal massiccio del Disgrazia sino all’Alto Lario, per chi era alla ricerca della performance è stata gara vera dall’inizio alla fine. Pronti, via e, sin dalle prime battute, Emanuele Manzi e Andrea Acquistapace hanno provato a fare selezione. Missione compiuta, i loro diretti avversari hanno pagato dazio lottando poi per piazzamenti di rincalzo. Gara vera anche al femminile con la super sfida made in Alta Valtellina tra la locale Elisa Sortini e la bresciana Valentina Belotti. Quest’ultima, galvanizzata dal titolo tricolore Fidal conquistato sei giorni prima alla Chiavenna Lagünc, ha innestato le ridotte guadagnando secondi preziosi nei tratti di gara dove le pendenze si facevano importanti.

Al traguardo Emanuele Manzi si è presentato in solitaria con un crono di 40’26”. Seconda piazza per Andrea Acquistapace (41’29”), mentre terzo è giunto Filippo Curtoni in 44’19”. Completano la top five di giornata Guido Rovedatti (45’29”) e Alessandro Gusmeroli (46’48”). Seguono nell’ordine Claudio Tagliaferri, Remo Sciani, Dario Songini, Tiziano Baldo e Michele Piloni.

Al femminile son bastati 46’59” a Valentina Belotti per stravincere la prima edizione della Sostila Vertical. Sul podio con lei sono salite Elisa Sortini (48’38”) e Barbara Sangalli (54’44”). Bene pure Alessandra Valgoi e Lucia Moraschinelli. Fra le dieci anche Patrizia Pensa, Raffaella Rossi, Francesca Mottalini, Alessandra Pedrazzini e Gloria Lucchetta. Da notare che, classifica generale alla mano, Belotti è giunta sesta assoluta e Sortini decima.

Lascia il tuo commento