Banner alto

Banner alto

L’International Race Carnia sotto la pioggia parla etiope

condividi su:

Domenica 11 aprile 2021 è andata in scena in quel di Paluzza la 13ª edizione della International Race Carnia edizione speciale La Mezza d’Inverno. Sull’inedito tracciato di 21,097 km, quello classico della mezza maratona ma con un dislivello di 480 m, si sono cimentati 137 finisher. Le previsioni meteo hanno bloccato a casa alcuni dei 180 iscritti. [classifica]

Race Carnia 2021 partenza

Foto by Alberto Cella

Graditissimo il percorso che si sviluppava nel bacino dell’Alta Valle del But, toccando i Comuni di Sutrio, Cercivento, Treppo Ligosullo e naturalmente Paluzza. Il tracciato di fondo valle era prevalentemente in asfalto e per alcuni tratti su carrarecce, ciclabili e sentiero.

In campo maschile si è imposto l’etiope Damte Kuashu Taye (1h11’34” – Atletica San Biagio) tempo di tutto rispetto considerato il dislivello, precedendo il keniano Sammy Kipngetich (1h13’56” – Atletica Saluzzo) mentre sul terzo gradino del podio si è issato il primo italiano, Tiziano Moia della Gemonatletica (1h14’32”). Significative le parole del vincitore all’arrivo che dedica la sua vittoria ai suoi connazionali in lotta in una feroce guerra civile. Nel settore femminile bis etiope con Meseret Engidu Ayele (1h1h23’05” – Atletica Saluzzo) che si è imposta largamente su Caterina Stenta, Trieste Atletica (1h35’05”) e Astrid Faganel, Jalmicco Corse (1h39’57”).

La gara si è svolta nel rispetto dei rigidi controlli imposti dai protocolli da Governo, Regione Fvg, Coni e Fidal in materia di contenimento dell’epidemia Covid-19. In ogni caso questo non ha scoraggiato gli organizzatori dell’Unione Sportiva Aldo Moro Paluzza che hanno saputo gestire tutte le problematiche consentendo finalmente agli sportivi della corsa in montagna di tornare ad indossare canotta e pantaloncini e sfrecciare sui sentieri e strade di montagna.

Grande l’impegno profuso anche in termini di risorse umane per l’assistenza sul percorso e l’organizzazione. In campo oltre 100 persone in rappresentanza di Polizia di Stato, Carabinieri, Vigili Urbani della Comunità di Montagna della Carnia e del Comune di Sutrio, Forestale Regionale, Protezione Civile dei Comuni di Paluzza, Cercivento e Treppo Ligosullo, Ana Paluzza, Cai sezione Carnica, i volontari dell’Aldo Moro e tanti altri liberi cittadini. A fianco di tanti volontari, la Regione Fvg, la Comunità di Montagna della Carnia, i Comuni di Paluzza, Sutrio, Cercivento e Treppo Ligosullo, e gli sponsor Bravi Market, Lavorazione Legnami SpA, Segheria F.lli De Infanti, Prima Casa Fvg, Secab, Goccia di Carnia, Caseificio Sociale Alto But e tanti altri.