Banner alto

Banner alto

Rampigada: sull’alpe Veglia vincono JB Simukeka e Primitive Niyirora

Per il secondo anno consecutivo alla Rampigada half marathon salgono sul primo gradino del podio i ruandesi Niyirora e Simukeka. I campioni nazionali Csen Outdoor sono Rota Daniela e Bertoncini Mattia. Vincono la combinata vertical + half marathon Giovando Chiara e Minoggio Cristian.

ph Serim

San Domenico di Varzo, provincia Verbano Cusio Ossola. Km 21.097 d+ 1.200. In una giornata estiva perfetta dal punto di vista atmosferico e sportivo, nel magnifico parco naturale alpe Veglia e alpe Devero, a due passi dalle vette svizzere, 271 runner hanno iscritto il proprio nome nella classifica di questa mezza maratona alpina.

Simukeka Jean Baptiste team Serim ha rivinto nella stazione montana di San Domenico la mezza maratona in quota denominata Rampigada con il nuovo record del percorso. Simukeka ha staccato il nuovo record con il crono di 1h44’15” battendo di 5″ il compagno di club Dennis Bosire Kiyaka; terzo Mattia Bertoncini team Salomon 1h47’40” nuovo campione nazionale Csen Outdoor di corsa in montagna in quota, poi Cristian Minoggio Serim 1h48’45” vincitore della combinata e quinto Mauro Stoppini Sport Projet Vco 1h51’33”. Nei primi chilometri della half dell’alpe Veglia e Devero è andato al comando il Serim Minarafascha Primien ma poi un errore di percorso lo ha estromesso dalla vittoria finale. Anche il campione Gabriele Bacchion team Tornado, fresco vincitore del Giir di Mont, ha dovuto abbandonare la gara per una giornata no.

Nella half femminile, vittoria di Primitive Niyiorora team Serim, anche per l’atleta africana un bis consecutivo su Daniela Rota team La Sportiva 2h19’07”, l’argento di Daniela è stato ricoperto dal titolo nazionale Csen outdoor di half marathon in montagna; bronzo di giornata per Chiara Giovando 2h21’26” team Serim. Giovando si è aggiudicata la combinata Rampigada rosa. 

Simukeka è sempre al top della forma. Con la vittoria alla Rampigada half marathon ha vinto sette gare consecutive ( skyrace e su strada ).

Giorgio Serim