Banner alto

Banner alto

Rosetta Skyrace: aprono le iscrizioni per la sky nella Valle del Bitto

Condividi su:

INTERNATIONAL ROSETTA SKYRACE 2018 – RASURA (SO)

Finale del circuito La Sportiva Mountain Running Cup, la International Rosetta Skyrace si presenta con importanti conferme e alcune novità.

foto G. Meneghello & D. Ferrari

La finalissima del circuito La Sportiva Mountain Running Cup nella valle del Bitto apre le iscrizioni… e ancora una volta sarà caccia al pettorale. In programma per domenica 2 settembre, la kermesse griffata Sport Race Valtellina metterà in palio 300 pettorali, una scelta voluta al fine di garantire un servizio eccellente a ogni singolo atleta.

Sarà quindi possibile riservare un pettorale al costo agevolato di 30 euro. Dal 31 luglio scatterà poi il salto di fascia con aggiunta di ulteriori 5 euro sino al raggiungimento del tetto massimo di presenze. Restando invariati montepremi e i graditissimi premi in natura che hanno reso celebre questa gara come le 24 forme di formaggio Bitto, Latteria e Casera. Sempre nell’ottica di gratificare ogni singolo concorrente, il pacco gara 2018 prevede giacca running Df Sport Specialist e diversi prodotti tipici locali tra i quali spicca ancora una volta il prodotto caseario celebre in tutto il mondo e che ha dato il nome alla valle ove è disegnata questa spettacolare corsa a fil di cielo.

Passando all’aspetto prettamente agonistico, sui 22,4 chilometri (1740 m di salita e altrettanti di discesa) tutti da correre con il cuore in gola, è lecito attendersi una super bagarre vista la presenza dei traguardi volanti posti all’altezza dell’Alpe Tagliate e in Cima al Pizzo dei Galli. Oltre al Memorial Bruno – Giuliana Martinalli e al Memorial Franco Garbellini, verrà introdotto un nuovo premio per i discesisti che impiegheranno il crono migliore nella picchiata da Cima Rosetta al traguardo di Rasura.

Non solo, il comitato organizzatore ha pure previsto un riconoscimento di ulteriori 200 euro per chi riuscirà a battere i record gara che appartengono al piemontese Paolo Bert 2h09’16” e alla rumena Denisa Dragomir 2h34’15”.