fbpx
venerdì, Ottobre 7, 2022

Sarnico Lovere Run: successo di Elisabetta Manenti e Yegon Robert Kiplangat

Dopo tre anni di stop è tornata la Sarnico Lovere Run; domenica 24 aprile si è disputata la 10ª edizione della gara sul Lago d’Iseo.

Alla fine è arrivato il sole a baciare i migliaia di partecipanti della Sarnico Lovere Run che si sono sfidati sulla sponda bergamasca del Lago d’Iseo. Nuvoloso e qualche goccia di pioggia durante il tragitto, ma tanta emozione allo start da parte di tutti. Era dall’aprile 2019 che non si correva questa gara a causa della pandemia. Sorrisi, abbracci, amici, tantissimi amatori e una manciata di buoni campioni al via.

A vincere questa 10ª Sarnico Lovere Run, sempre organizzata da Running Factory Asd è stato il keniano Yegon Robert Kiplangat (Run2gether) in 1h18’18”, una media di 3’06” al chilometro per percorrere i 25,3 km del percorso. Tra le donne successo e podio tutto italiano. Vince Elisabetta Manenti (Atl. Pianura Bergamasca) in 1h35’12”, per lei una media al km di 3’46”.

Sarnico Lovere Run Yegon Robert Kiplangat
Yegon Robert Kiplangat – Photo credit Costanza Zanardini

Completano il podio al maschile il keniano, sempre della Run2gether, Towett Vincent Kimutai, in h18’29” secondo sul traguardo sito nel porto di Lovere, mentre terzo è Michele Belluschi (Grottini Team Recanati) in 1h21’30”. Tra le donne è seconda Eva Grisoni (Lykos Triathlon Team Asd) in 1h36’21”, davanti all’altra bergamasca del podio, Chiara Milanesi (Fò di Pé) terza con 1h39’52”.

Leggi anche: la classifica della Sarnico Lovere Run 2022

Podio dei primi tre italiani composto da Michele Belluschi, Markus Ploner (asv Sterzing Volksbakn) in 1h21’39” e Luca Tocco (Gp Parco Alpi Apuane) in 1h22’14”. Podio delle prime tre italiane medesimo di quello delle Assolute, dunque Manenti, Grisoni e Milanesi.

Sarnico Lovere Run Michele Belluschi
Michele Belluschi – Photo credit Costanza Zanardini

Premiati sul palco a fine gara dal Sindaco di Lovere Alex Pennacchio anche la prima e il primo atleta con residenza a Lovere. Prima loverese è stata Lelia Maria Camanini (Atl. Rebo Gusssago), 1613esima assoluta, che ha terminato la gara in 2h22’23” (2h20’42” real time) e primo loverese Paolo Ghidini (Pool Soc. Alta Valseriana), 28esimo assoluto in 1h33’17”.

Sempre bello andare a correre la Sarnico Lovere Run con gli amici e compagni di squadra. La classifica delle società più numerose ha visto al primo posto i Runners Bergamo con 139 iscritti, un complessivo di 1590,75 km percorsi, davanti a Runners Capriolese, 74 iscritti e 530,25 km percorsi, bronzo per Camisano Running Asd con 59 iscritti e 328 km percorsi.

Sarnico Lovere Run Elisabetta Manenti
Photo credit Costanza Zanardini

Doppia la festa sull’arrivo in quel di Lovere, circa mille sono stati i partecipanti non competitivi partiti alle ore 9.10 da Riva di Solto verso Lovere, correndo o camminando in tutta tranquillità, per la non competitiva di 6 km. Sarnico Lovere Run è un evento che dura ben tre giorni, ieri infatti poco meno di 100 le bambine e i bambini impegnati allo stadio comunale di Sarnico per la Kids Run, mentre lunedì 25 aprile le emozioni continuano con la partenza alle ore 9.00 per Montisola dove alle ore 9.45 si correrà il Giro di Montisola con La Corsa dei Campioni, 9 km con diversi campioni oltre agli atleti keniani e stranieri della Sarnico Lovere Run.

Ristori idrici innovativi

Dopo la positiva esperienza del 2019 Sarnico Lovere Run ha confermato anche per questa edizione in tutti i ristori lungo il percorso che l’acqua è stata captata direttamente dalla rete idrica grazie a Uniacque. È stata utilizzata solo acqua “pubblica” e risparmiate oltre 20mila bottiglie di plastica sulla strada grazie all’utilizzo di 9 erogatori predisposti in concomitanza dei ristori, vi sono stati due erogatori sia in zona partenza che in arrivo per il ristoro finale. Sono stati riempiti circa 7/800 bicchieri al minuto con acqua pubblica e soprattutto fresca. Previsto anche il ristoro con sali minerali, il tutto è stato servito ai runner in bicchieri di carta riciclabile.

Sarnico Lovere Run podio maschile
Photo credit Costanza Zanardini

Il contributo e l’esempio dei Ploggers

Territorio e natura salvaguardati grazie anche alla preziosa azione e collaborazione dei Ploggers bresciani e bergamaschi. Sono stati in coda ai partecipanti della Sarnico Lovere Run. Campioni del buon esempio, i Ploggers non hanno sostituito il servizio di pulizia stradale comunque garantito dall’organizzazione, ma campioni del buon esempio hanno raccolto eventuale materiale di scarto ai lati della strada, affiancando gli ultimi corridori, e comunque davanti al servizio scopa e alle auto di servizio. Da sottolineare che i Ploggers hanno offerto il loro servizio in maniera spontanea, gratuita ed allegra, portando buonumore all’evento.

ARTICOLI CORRELATI

Most Popular