Banner alto

Banner alto

Michele Boscacci e Alba De Silvestro firmano la Folgrait Ski Race

condividi su:

Seconda edizione della Folgrait Ski Race, gara in notturna che si sviluppa nel comprensorio sciistico degli Altipiani di Folgaria, Lavarone e Luserna in Trentino, nel segno di Michele Boscacci e Alba De Silvestro del Centro Sportivo Esercito. Percorso modificato rispetto all’originale. 400 gli atleti al via.

ph. Ferretto

ph. Ferretto

La scialpinistica, organizzata dallo Sci Cai Schio in collaborazione con Folgaria Ski, e Apt Alpe Cimbra, si è corsa su percorso modificato rispetto all’originale, i chilometri di sviluppo erano 15 anziché 18 mentre il dislivello di sola salita era di 1350 metri diluito in cinque salite. Il percorso riservato alle categorie Junior aveva un dislivello di 800 metri mentre i cadetti hanno affrontato un dislivello positivo di 500.

Michele Boscacci ha concluso la prova trentina di Folgaria in 1h07’42”, anticipando sul podio Federico Nicolini (1h08’47”) e Martin Stofner (1h09’09”). In quarta posizione William Boffelli in 1h10’28”. Completano la top ten Filippo Beccari, Noe Thaler, Thomas Trettel, Mattia Giuliani, Fabio Bazzana e Norman Gusmini.

In ambito femminile Alba De Silvestro è risultata vittoriosa in 1h23’10”, seguita da Elena Nicolini (1h24’28”) e Martina Valmassoi (1h26’29”). A seguire Corinna Ghirardi, Margit Zulian, Beatrice Deflorian, Monica Sartogo, Melanie Dorfmann, Maddalena Mognetti e Marlene Weissteiner.

Oltre alla gara Senior, gli organizzatori avevano predisposto anche un percorso riservato ai giovani delle categorie Cadetti e Junior. Per quanto riguarda la categoria Cadetti in campo femminile ha vinto Sohia Poernbacher davanti a Sara Mondin. Tra i cadetti la vittoria è di Matteo Sostizzo. Mattia Tanara e Pietro Festini Purlan sono secondo e terzo. Tra gli Junior dominano Melanie Ploner (Bogn da Nia) ed Enrico Loss (Sc Valdobbiadene). Dietro Melanie Ploner si classificano Giorgia Felicetti (Bogn da Nia) e Vivien Senn (Asv Gossenass). Tra gli Junior i Daniele Carobbio e Matteo Cuel conquistano rispettivamente la seconda e terza posizione.