Banner alto

Banner alto

Skyrace del Segredont: domenica la sesta edizione, iscrizioni ancora aperte

Condividi su:

Val Vertova e anfiteatri dolomitici da scoprire nel cuore della Media Valle Seriana con la sesta edizione della Skyrace del Segredont di domenica 14 maggio. Iscrizioni ancora aperte che includono pacco gara con felpa Crazy Idea e buono valido per il pasta party.

Oliviero Bosatelli alla Skyrace del Segredont mentre attraversa la Val Vertova - foto di Luca Bosio

Oliviero Bosatelli alla Skyrace del Segredont mentre attraversa la Val Vertova – foto di Luca Bosio

Tutto è pronto per la Skyrace del Segredont che domenica 14 maggio assicurerà spettacolo sui monti che dominano la Media Valle Seriana. Una gara di 22,7 km con 1712 metri di dislivello positivo che proietterà gli atleti in scenari di sicuro appeal, dalle gole scavate dal torrente in Val Vertova alla cima Segredont, immersi nell’anfiteatro dolomitico dell’Alben, passando dall’antico Santuario di San Patrizio che domina la vallata. A tirare le fila dell’evento il Gav Vertova di patron Franco Testa che, per l’edizione numero sei, proporrà il classico percorso ma in senso contrario, arricchito da una leggera variante.

Vertova (Bg) – Ci siamo, il count down per la sesta edizione della Skyrace del Segredont è scattato: la gara firmata Gav Vertova è in programma domenica 14 maggio. Il comitato organizzatore sta rifinendo gli ultimi dettagli e intanto fioccano le iscrizioni. C’è tempo fino alle ore 20.00 di venerdì per iscriversi collegandosi al sito ufficiale nella sezione Segredont. «Siamo felici di leggere nell’elenco provvisorio dei partecipanti tanti nomi provenienti da altre regioni. Puntiamo sul soddisfare tutti, l’ultimo atleta classificato al pari del primo. Semplicità e qualità, agevolando chi viene da lontano grazie alla rapidità delle premiazioni». La quota d’adesione di 20 euro comprende i ristori, il pasta party, l’assistenza medica e il pacco gara: una felpa Crazy Idea personalizzata, garantita ai primi 280 iscritti. Per quanto riguarda la battaglia ai vertici della classifica gli organizzatori sono in attesa di alcune conferme; è già sicura però la partecipazione di Denisa Dragomir, fuoriclasse rumena tesserata per la Valetudo Skyrunning Italia, recente vincitrice della Trentapassi Skyrace, e quella del locale Fabio Bonfanti, sempre motivatissimo sui sentieri di casa.

[smart-grid row_height=”180″ mobile_row_height=”180″ captions=”false” font_family=”Helvetica, Arial” title=”false”]

[/smart-grid]

Percorso che piace non si cambia: è vero, ma nel Gav è forte la voglia d’innovazione, così l’itinerario resta quello di sempre ma ad anello invertito. Alle ore 9.00 la partenza presso l’oratorio di Vertova (nel centro del paese, a quota 406 m slm), virata verso Semonte, salita in località Cloca e poi l’ingresso nella Val Vertova, dove la corsa comincerà ad entrare nel vivo. La Val Vertova e le sue limpide piscine naturali per la prima volta verranno affrontate in salita su un tracciato che si spingerà molto più in alto, verso i contrafforti del monte Alben. «Una scelta che innalza la panoramicità del classico giro ad anello, a scapito dei vecchi riferimenti cronometrici». Superate le sorgenti e raggiunto il bivacco Testa ci si dirigerà verso il Segredont, cima Coppi a quota 1540. Dopo Bliben e Dasla ecco la modifica introdotta quest’anno: si abbandona il percorso originario che corre pianeggiante verso i prati di Cavlera, e si svolta a sinistra salendo una costa erbosa sino alla croce della cima Tisa (quota 1317 metri). «In termini numerici ciò comporta l’accorciamento di 1 km a fronte di un aumento di dislivello di 150 metri». Da lì si scende andando a ricongiungersi al percorso originario nella zona del roccolo Messina dove inizia la discesa finale per tornare nel centro di Vertova transitando dall’antico Santuario di San Patrizio.

Skyrace del Segredont, una competizione che conduce nella Media Valle Seriana che non ti aspetti, e che a pieno titolo si può definire storica. Sebbene si tratti “solo” della sesta edizione, la gara prese vita già nel 1952, ma fu presto abbandonata poiché il tracciato non venne ritenuto idoneo (per lunghezza e dislivello) all’interno della classificazione delle corse in montagna. Non idoneo nella visione dell’epoca, ma mai dimenticato, e riproposto nel 2012 in occasione del 60esimo di fondazione del sodalizio vertovese.

Lo scorso anno, su circa 250 partenti, si imposero Luca Carrara, atleta della nazionale di trail running, che si lasciò alle spalle Paolo Poli e Luca Magri, e la bergamasca Daniela Rota, vincitrice al femminile davanti a Martina Brambilla e Sara Belotti. Tutte le informazioni sono reperibili sul sito www.gavvertova.it nell’apposita sezione. È possibile contattare gli organizzatori all’indirizzo mail [email protected]

Enula Bassanelli