Banner alto

Banner alto

Trail del monte Casto: domenica scatta la 15esima edizione

trail monte casto
Trail Monte Casto, il ritorno. Photo credit Francesco Berlucchi

Domenica 31 ottobre sarà il momento della quindicesima edizione del Trail Monte Casto ad Andorno Micca. Due i percorsi competitivi previsti all’evento biellese, un anello di 44 km con 2050 m di dislivello positivo e un altro di 20 km e 850 m di dislivello, con 750 concorrenti iscritti in totale. Le gare sono state approvate a livello regionale dalla Fidal e la 44 km assegnerà il titolo di campione nazionale Csen ultratrail. Sarà necessario essere in regola con il Green Pass.

trail monte casto
photo credit Francesco Berlucchi

Al momento sulla distanza più lunga il favorito è Cristian Minoggio, vincitore delle ultime tre edizioni, lo svedese Carl Johan Sörman si candida per un posto sul podio, ma anche Diego Angella, Matteo Anselmi, Manuel Bonardi, il vincitore del Tor des Glaciers Luca Papi e il biellese Francesco Nicola vorranno dire la loro. Tra le donne si prevede una bella battaglia tra Agnese Valz Gen, Susan Ostano, Alessandra Boifava e Lisa Borzani.

Nella 20 km sicuri protagonisti la giovane promessa Daniel Borgesa e Michael Dola tra gli uomini e Emma Quaglia, Benedetta Broggi, Angelica Bernardi e Margherita De Giuli tra le donne.

La manifestazione è un vero spot pubblicitario per far conoscere alcuni angoli quasi sconosciuti del territorio, piccoli gioielli che il territorio biellese regala a chi ama immergersi nella natura. Gli splendidi colori dell’autunno dell’alto Piemonte faranno compagnia lungo tutto il tracciato agli atleti.

trail monte casto
photo credit Francesco Berlucchi
Il percorso della 44 km

Per quanto riguarda la gara lunga, si tratterà di percorrere ben 44 km con un dislivello di 2050 m quasi interamente su sentieri e strade sterrate. Il percorso è altamente spettacolare toccando alcuni angoli incantevoli del biellese, a partire dal Monte Casto, per proseguire attraversando gli alpeggi di Monduro e Carcheggio e salire al Bocchetto Sessera (1380 m) tramite la classica mulattiera usata per la transumanza con incomparabili viste sulle montagne biellesi e sulle alpi piemontesi.

La gara entrata nell’Oasi Zegna porta prima al Monte Massaro, per raggiungere poi la caratteristica baita della Scheggiola, passare all’alpeggio Baraccone e attraverso il bel ponte a schiena d’asino, al Rifugio Piana del Ponte, dove gli atleti troveranno un ristoro festoso. Qui il sentiero ricomincia a salire per passare a fianco del ponte della Milizia, raggiungere la Casa del Pescatore e salire immerso nella pineta fino al bellissimo alpeggio dell’Artignaga e tornare al Bocchetto Sessera.

Un bel sentiero conduce i trailer quindi a Pratetto, poi a Fraz.Trabbia di Callabiana, un lungo traverso porta a Locato, per affrontare poi l’ultima asperità della giornata, la salita alla località “Quadetto”. Da qui un traverso nel bosco permette di raggiungere la frazione Colma e in discesa ritornare al luogo di partenza.

Le partenze

La partenza è prevista per le ore 7.00 per chi parteciperà alla 44 km, alle ore 9 per chi prenderà il via della 20 km (850 m+) e alle ore 9.30 verrà dato il via della 8 km (passeggiata non competitiva, iscrizioni sul posto, green pass obbligatorio).

Sarà possibile seguire la competizione per chi fosse interessato, in diversi punti tramite spostamenti in auto.

trail monte casto

Quest’evento è contraddistinto dal clima di convivialità e festa che si respira. Ma anche dallo spessore dei partecipanti. Sui sentieri della Valle Cervo e dell’Alta Valsessera in questi anni sono saliti sui podi vari atleti di livello nazionale e internazionale. In campo maschile, solo per citare i più conosciuti: Cristian Minoggio, Luca Carrara, Filippo Bianchi, Davide Cheraz, Gabriele Abate, Danilo Lantermino, il nepalese Dawa Sherpa. Tra le donne sono salite sul podio: Sonia Locatelli, Sonia Glarey, Chiara Giovando, Yulia Baykova, Scilla Tonetti, Federica Boifava, Cinzia Bertasa, Virginia Oliveri, Lisa Borzani, Cecilia Mora, Marina Plavan, Emanuela Brizio, le francesi Maud Gobert e Corinne Favre.