Banner alto

Banner alto

A Treviso si torna a correre: in 700 prenotati al Trail del Patriarca

condividi su:

Inizia il conto alla rovescia per la nona edizione della corsa che domenica 11 aprile inaugurerà il Circuito Trail Prealpi Venete. Unico il percorso: 25 km su sentieri e strade sterrate con 1400 metri di dislivello positivo. Partenza alle ore 8.30 da Villa di Villa nel trevigiano.

Trail del Patriarca

Tutto pronto a Villa di Villa per la nona edizione del Trail del Patriarca, che domenica 11 aprile inaugurerà la primavera di corsa su sentieri e strade sterrate della Marca.

Quella di Cordignano e dintorni sarà anche la prova inaugurale del Circuito Trail Prealpi Venete che successivamente proporrà il Madruk Trail (9 maggio), il Gran Raid delle Prealpi Venete (23 maggio), il Trail dei Brac (13 giugno), il Trail dei Cimbri (10 luglio) e il Trail del Gevero (7 novembre). Sei gare fuoristrada per andare alla scoperta del territorio trevigiano con il passo e l’entusiasmo degli appassionati della corsa in ambiente naturale.

Organizzata dalla Scuola di Maratona Vittorio Veneto, in collaborazione con la Pro Belvedere, l’edizione 2021 del Trail del Patriarca – riconosciuta dal Coni come evento sportivo a carattere nazionale e inserita nel calendario Trail Uisp – propone un unico percorso sulla distanza di 25 chilometri, con 1400 metri di dislivello positivo.

Sarà un’edizione particolare, senza pubblico, senza eventi collaterali e con una scrupolosa osservanza delle normative anti-Covid. Ma il fascino di un percorso che si svilupperà in un ambiente incontaminato, lungo sentieri e strade sterrate, sino ad addentrarsi nelle suggestive faggete ai piedi del Cansiglio e passando anche per il Parco dei Carbonai, non mancherà di coinvolgere i 700 iscritti, provenienti da una buona fetta del Nord Italia.

Trail del Patriarca partenza

Tra gli atleti più accreditati il trentino Christian Modena, decimo lo scorso ottobre ai campionati italiani assoluti Fidal di trail lungo. Il conterraneo (ma di adozione friulana) Nicola Giovanelli punterà nuovamente al podio, dopo il terzo posto del 2019. Un obiettivo condiviso anche del giovane sloveno Zan Zepic. Fra i trevigiani, da seguire soprattutto l’ex biker Alessio Camilli, trionfatore al Trail Patriarca nel 2018 e quarto nel 2019, l’esperto Ivan Geronazzo, Marco Piccin, Alberto Garbujo e Andrea Moretton. Al femminile, pronostici per la triestina Nicol Guidolin, con Giulia Pol, Valentina Michielli, Alessandra Olivi e Asia Noacco pronte a dare battaglia.

Prima partenza alle ore 8.30 dal campo sportivo di Villa di Villa. Gli atleti saranno divisi in gruppi di venti, distanziati di 30 secondi uno dall’altro. L’ordine di partenza avverrà in base al numero di pettorale che sarà definito dal punteggio Itra o, in assenza di questo, dall’ordine alfabetico. Obbligo della mascherina per i primi 500 metri di gara. Considerando l’emergenza sanitaria in corso (e l’annullamento dell’edizione 2020), sarà comunque una bella ripartenza.