Banner alto

Banner alto

William Boffelli: l’azzurro di skialp si prepara ad una stagione cruciale (alternando corsa, bici e skiroll)

condividi su:

Aspettando la neve, William Boffelli rifinisce la condizione e lo fa variando le discipline di allenamento, per mantenere alta la motivazione e non farsi trovare impreparato alla prossima stagione di sci alpinismo, che definisce “di fondamentale importanza”.

william_boffelli_skialp_2016_ph_modica_e_merler

William Boffelli – ph. Modica e Merler, Pegaso Media

In vista della prossima stagione invernale, considerata decisiva, William Boffelli si allena sodo. Le ore di preparazione si dividono in parti uguali fra corsa in montagna, bici da corsa, mountain bike e skiroll. L’azzurro di skialp, bergamasco di Roncobello, cerca tanti stimoli diversi per non annoiarsi mai e farsi trovare pronto quando sarà il momento di inforcare gli sci. Settimana scorsa si è classificato secondo alla gara di corsa in montagna Mezzoldo Ca’ San Marco, e lo ritroveremo al via di altre vertical. La stagione delle pelli appena trascorsa, partita in sordina, è andata in crescendo. «Ho trovato la forma migliore negli ultimi appuntamenti. Forse un po’ in ritardo, però sono riuscito a togliermi delle belle soddisfazioni personali», racconta il giovane atleta. Due anni fa l’esordio in nazionale, quest’anno la partecipazione a tutte le prove di Coppa del Mondo. «Nella comitiva azzurra si è creato un ambiente dove è facile sentirsi a proprio agio e apprendere come gestirsi al top nei grandi appuntamenti».

Con quali obiettivi riparti, William?
«La prossima stagione sarà di fondamentale importanza, soprattutto visto che proprio pochi giorni fa lo sci alpinismo è diventato disciplina olimpica, un riconoscimento importante che porterà nuova linfa a tutto il movimento ma bisognerà stare attenti a non snaturare questo bellissimo sport, che deve restare una disciplina di alta montagna. Il mio obbiettivo principale è riconfermarmi ad alti livelli e continuare quel percorso costante di crescita che ha contraddistinto le mie ultime stagioni».

William_Boffelli_2016_crazy_skialp_ph_credit_Sportdimontagna

ph. credit Maurizio Torri – Sportdimontagna.com

Sotto quali aspetti vorresti ulteriormente migliorare?
«Sicuramente nelle sprint e nei vertical ho ancora molto da lavorare. Pur essendo le due specialità che mi si addicono meno, proveremo a farcele piacere e se possibile a migliorare anche qui».

L’accoppiata con Pietro Lanfranchi funziona?
«Con il Lanfra si è creato proprio un bel rapporto, nelle gare corse con lui abbiamo trovato un ottimo affiatamento e anche buoni risultati. Proveremo a riproporre questa accoppiata anche l’anno prossimo, sempre che riesca a tenere il suo passo, visto che lui più invecchia e più va forte».

La gara dei tuoi sogni?
«Da piccolino avrei risposto senza esitare il Trofeo Parravicini, che si corre vicino a casa mia, adesso mi verrebbe da dire il Trofeo Mezzalama».

Macugnaga_2016_Rosa_Ski_Raid_ph_Riccardo_Selvatico Pietro Lanfranchi e William Boffelli

Boffelli e Lanfranchi – ph. credit R. Selvatico

Roncobello offre molti itinerari per allenarsi, ce ne consigli uno con gli sci, uno a piedi e uno in mtb?
«C’è l’imbarazzo della scelta, in inverno con gli sci uno dei miei preferiti è Mezzeno – Laghi Gemelli – Monte Farno e ritorno. Mentre in estate a piedi mi piace molto percorrere la cresta che dal Menna porta al lago Branchino. Per quanto riguarda la mtb, alcuni ragazzi di Roncobello hanno sistemato in maniera impeccabile dei sentieri vicino al paese rendendoli perfettamente percorribili».

Enula Bassanelli