fbpx
giovedì, Maggio 23, 2024

X-Warrior è tornato. A Molveno la sfida epica tra uomo e natura

Il prossimo 18 e 19 maggio i guerrieri arriveranno da tutto il mondo sulle rive del Lago ai piedi delle Dolomiti di Brenta per sfidare cascate gelide, tronchi sull’acqua, piramidi, fango, pareti e tanti altri ostacoli in un ambiente naturale mozzafiato. In palio da quest’anno la qualificazione per l’OCR World Championship.

x-warrior molveno ocr

Sulla linea di partenza gli sguardi sono concentrati e “feroci”, pronti ad affrontare un’avventura estenuante, in cui tutte le abilità sono in gioco: forza, equilibrio, resistenza, coraggio, per correre, saltare, scalare, strisciare, arrampicare, guadare, ma anche un pizzico di follia. Sono gli ingredienti dell’X-WARRIOR, il prossimo 18 e 19 maggio a Molveno, unica tappa italiana, la gara di corsa a ostacoli, tutti rigorosamente naturali, che torna anche quest’anno sulle rive del Lago più Bello d’Italia con un percorso ancora più duro, nuovi ostacoli e sempre più partecipanti. E da questa edizione offre un’opportunità unica, quella di qualificarsi per l’OCR World Championship in programma a ottobre in California, i campionati ufficiali dei membri della federazione nazionale del World Obstacle, che rappresentano atleti provenienti da oltre 140 paesi.

Molveno, con il suo lago più volte riconosciuto come “il più bello d’Italia” da Touring e Legambiente e le Dolomiti di Brenta Patrimonio UNESCO a fare da cornice, è l’arena ideale per questa competizione, approdata sulle rive del Lago nel 2017 e che negli anni ha visto crescere la sua notorietà e oggi conta circa 700 partecipanti da 15 nazioni diverse. “Qui a Molveno tutto ha avuto inizio, un pittoresco paesino circondato dalla natura al 100%, con un incantevole lago nel mezzo delle Dolomiti del Brenta – racconta Alessandro Bettega, Presidente del Consorzio Molveno Holiday – Il Trentino è, era e sarà il luogo di nascita dell’avventura OCR di X-WARRIOR. Gli amanti della natura, della vita all’aria aperta e dello sport qui trovano ciò che più desiderano”.

X-Warrior non è solo una gara faticosissima, che include tutte le capacità per superare il percorso ad ostacoli, è un nuovo modo di fare fitness ritornando alla natura e a quel sapore di antichi duelli con gli elementi dell’ambiente, confronti che richiedevano forza fisica e mentale, equilibrio e coraggio ma vissuti con uno spirito nuovo e spesso non competitivo, espressione di una comunità unita che si è costruita negli anni e in forte crescita. È lo spirito a dare un carattere unico agli X-Warriors: l’obiettivo è stare insieme e divertirsi, fare squadra, aiutarsi per realizzare imprese di cui non ci si riteneva capaci.

Le gare e i percorsi

Sarà il paesaggio a determinare la difficoltà della gara. Niente acciaio o metallo, nessuno scenario artificiale. Gli ostacoli sono tutti “veri”, molto legno e molta canapa, si sfruttano cascate, corsi d’acqua, sentieri, salite e tutto ciò che può diventare una sfida per i guerrieri in gara.

Tre le gare in programma, la X-LITE (6,7 km di percorso con 33 ostacoli), la X-FULL (15,2 km e 40 ostacoli) e la TITAN (che prevede il completamento di entrambe le gare) tutte con una versione competitiva e una non competitiva. La prima, adatta agli agonisti, prevede la gara a cronometro, con una partenza di due atleti alla volta, in modo da non creare traffico sugli ostacoli, che non si possono aiutare (pena 25 burpees o un giro extra per il mancato superamento di un ostacolo), e gareggiano anche contro il tempo fino alla vittoria finale. Ad attirare il maggior numero di X-Warriors è la non-competitiva, nella quale i partecipanti partono in gruppo, per divertirsi insieme, aiutarsi lungo il percorso e condividere un’esperienza comune nella natura senza guardare l’orologio e senza subire penalità. L’attrezzatura prevede scarpe da trail e abbigliamento tecnico da corsa, localizzatore GPS se necessario.

Il percorso, disegnato da Charles Franzke – atleta professionista OCR con all’attivo un’esperienza in oltre 100 gare nel mondo – costeggia il lago con curve e ostacoli tecnici che trasformeranno gli atleti in moderni Tarzan e Jane o Crocodile Dundee, tra i quali il più famoso per la sua unicità, la Piramide di sette metri, realizzata solo per il percorso di Molveno, e la più lunga Tarzan Swing vs Monkey Bar d’Europa, Tyrolean Traverse inclusa e il Floating Bridge, tutti sospesi sull’acqua. E poi i grandi classici delle competizioni di endurance estremo, da quelli di “arrampicata”, posizionati nell’interno, verso la montagna, come Net-Crawls, Net- e Rope Climbs e il Jumping Walls, a quelli di equilibrismo e forza, nascosti nel bosco, come Balance Beams, Nut Crackers, Heavy Loads and Pulls, e un Monster Rig di prima classe. Poco prima del traguardo il percorso prevede un doppio loop estremo, con la piramide, il Bear Crawl oltre che il Tripple-, Boulder- e il Rock Wall e Jeep Crawl.

Ma questa edizione alza l’asticella aggiungendo alcuni spettacolari ostacoli: Half Pipe, Cube, Sloping Wall, Nutcracker, Negative Net Crawl, Horizontal Ladder. Inoltre, per i più temerari che affronteranno la X-FULL, il percorso non sarà solo più lungo e più duro in molti degli ostacoli, ma vedrà moltiplicarsi le difficoltà con muri più alti e la mancanza di corde in passaggi di arrampicata su cascate, muri e scalate nel bosco.

E alla fine della due giorni Molveno accoglierà tutti con un grande barbecue la domenica pomeriggio, che riunirà tutta la comunità X-WARRIOR per salutarsi e darsi appuntamento in Trentino nel 2024!

È possibile iscriversi sul sito https://www.x-warrior.com/it/molveno/

RELATED ARTICLES

Most Popular