fbpx
sabato, Dicembre 2, 2023

Al via gli European Orienteering Championships, finali di Coppa del Mondo

Il Veneto accoglie la grande corsa orientamento: al via gli European Orienteering Championships 2023, validi come finali di Coppa del Mondo. Alla presentazione a Palazzo Ferro Fini i saluti del Presidente del Coni Giovanni Malagò e del Presidente di Sport e Salute Marco Mezzaroma ai 2mila partecipanti da 39 nazioni protagonisti della kermesse.

European Orienteering Championships 2023 presentazione

European Orienteering Championships 2023

Dall’1 all’8 ottobre il movimento sportivo orientistico internazionale troverà in Veneto il suo punto di incontro. Presentati a Venezia gli European Orienteering Championships 2023, i Campionati Europei Sprint di corsa orientamento, validi come finali di Coppa del Mondo, che, per la prima volta in Italia, vedranno correre con mappa e bussola 2mila partecipanti in rappresentanza di 39 Paesi. La manifestazione, sotto l’egida della IOF-International Orienteering Federation e della FISO-Federazione Italiana Sport Orientamento, vanta i patrocini della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Sport e Salute, Consiglio Regionale del Veneto, Provincia di Verona e Vicenza, Comuni di Verona, Soave e Vicenza, insieme ai charity partner Centri Giovanili Don Mazzi e Fondazione Città della Speranza.

“Per noi è un onore che sia il Veneto a fare da cornice a questi Campionati Europei e presentare le gare che si svolgeranno tra Soave, Verona e Vicenza – dichiara Roberto Ciambetti, Presidente del Consiglio Regionale Veneto – L’orienteering è uno sport di resistenza e di intelligenza che premia chi riesce ad esplorare con sicurezza un territorio sconosciuto. È una gara a cronometro nella quale i partecipanti usano una mappa topografica dettagliata e una bussola per raggiungere una serie di punti di controllo, cercando di scegliere il percorso migliore: in un’epoca in cui ci muoviamo con i navigatori guidati dal Gps, questa disciplina ci invita a vivere e vedere il territorio in modo molto più naturale, facendo attenzione a ciò che ci circonda. Mi complimento con gli organizzatori che hanno voluto quest’anno unire simbolicamente le loro gare all’epopea di Pietro Querini, che dovette far di necessità virtù per orientarsi e riuscire a ritornare via terra a Venezia dalla Norvegia. È un omaggio anche ai popoli scandinavi, che sono nel nostro continente un autentico serbatoio di atleti e appassionati di questo sport. I miei complimenti alla Federazione Italiana Sport Orientamento che ha voluto convocare per questo appuntamento una formazione molto giovane sulla quale costruire un futuro con sempre più appassionati. Mentre esistono sport ricchissimi ci sono anche sport rimasti profondamente decoubertiani: l’orienteering è uno di questi”.

In prima linea il General Manager di EOC 2023 Gabriele Viale: “Sono i numeri a definire il grande prestigio di questi Europei: una copertura di 12 milioni di spettatori, garantita da 48 ore complessive di dirette televisive in Europa realizzate da 10 diverse emittenti e 2 milioni di euro di ricaduta economica, attraverso il coinvolgimento di scandinavi e svizzeri. Per 9 giorni rappresenteremo l’Italia nel mondo attraverso 13 gare gestite in 10 differenti Comuni grazie a uno staff di 200 risorse. L’eredità impiantistica lasciata sarà totalmente sostenibile in quanto legata alle mappe delle competizioni e stiamo finalizzando il percorso informativo rivolto ai cittadini e alle scuole delle località ospitanti per un loro coinvolgimento attivo. Un kolossal organizzativo per dare più valore al territorio”.

I TITOLI IN PALIO: Europei Sprint e Coppa del Mondo

In campo scenderanno oltre 350 atleti élite in rappresentanza di 36 team nazionali per conquistare i titoli continentali e di Coppa del Mondo su distanza Sprint, Sprint Relay e Sprint Knock-Out (circa 4 km in linea d’aria con 20 punti di controllo, con un tempo di percorrenza medio del vincitore di 15 minuti). Il 4 ottobre Verona sarà capofila accogliendo la gara individuale su distanza Sprint: i turni di qualificazione (ore 8.30-12) si svolgeranno nei quartieri di Borgo Venezia e Borgo S. Croce, mentre la finale (ore 14-16.45) in centro storico con partenza e arrivo nella meravigliosa Piazza Bra con la sua Arena. Al Foro Boario di Soave il 6 ottobre va in scena l’adrenalinica Sprint Relay (ore 14.30-16.30) al cospetto del Castello Scaligero per decretare i mixed team più forti composti da uomini e donne. Per la Sprint Knock-Out l’8 ottobre, infine, dopo le qualifiche agli impianti sportivi di Creazzo (ore 8.30-12), i migliori si contenderanno il titolo a Vicenza (ore 12-16) con finish line in Piazza Matteotti, volgendo lo sguardo ai palladiani Teatro Olimpico e Palazzo Chiericati.
Al femminile l’atleta da battere è sicuramente la svedese Tove Alexandersson, detentrice dei titoli europei 2021 Sprint e Knock-Out, nonché campionessa mondiale di skyrunning e scialpinismo, incalzata in prima battuta dalla svizzera Simona Aebersold. A dover difendere nella Sprint il gradino più alto del podio maschile, raggiunto da Emil Svensk, è sempre la Svezia, spodestata nella Knock-Out dalla Svizzera, vinta da Matthias Kyburz, con la possibile incursione dell’outsider norvegese Kasper Fosser. Nella Relay, i pronostici annunciano battaglia tra Svezia, Svizzera, Norvegia e Finlandia.

“Voglio ringraziare innanzitutto i numerosi sindaci e assessori coinvolti – dichiara Sergio Anesi, Presidente della FISO – che hanno accolto, nonostante le difficoltà, il nostro evento. L’orienteering è uno sport non ancora molto conosciuto ma che merita grande apprezzamento soprattutto per i propri ideali. Rispetta l’ambiente e guarda alla sostenibilità, apportando una ricaduta economica notevole sul territorio. Un grazie alla Regione Veneto e agli organizzatori, che sono stati in grado di strutturare una solida rete tra istituzioni e volontari, senza cui non sarebbe possibile organizzare eventi. Un in bocca al lupo ai ragazzi della Nazionale, che avranno modo di confrontarsi con gli élite a livello internazionale”.

Presente alla conferenza Michele Barbone, che ha portato i saluti del Presidente del CONI Giovanni Malagò: “Con gioia e infinita soddisfazione – afferma Barbone – ci apprestiamo a dare il via ai Campionati Europei, che vedono come associazione capofila del Comitato organizzatore il PWT Italia, di cui sono orgogliosamente presidente onorario. A tutti porto i saluti di Giovanni Malagò per l’ottima riuscita dell’evento. Non posso non citare il merito di Gabriele Viale e del suo staff che, ancora una volta, dimostreranno le proprie capacità in termini tecnici e organizzativi”. Anche il Presidente Marco Mezzaroma ha fatto pervenire gli apprezzamenti di Sport e Salute verso la manifestazione, supportata con l’organizzazione, il 30 settembre, del Convegno della Scuola dello Sport Turismo e sport: orienteering “I grandi eventi sportivi in chiave turistica e formativa: Gli European Orienteering Championship 2023”, dalle ore 10 nell’Aula SMT6 del Dipartimento di Management dell’Università degli Studi di Verona, nel Polo Santa Marta.

“Siamo felici di aver ampliato la nostra visione sportiva con la corsa orientamento – dichiara Matteo Pressi, Sindaco del Comune di Soave – che si presta molto alle nostre caratteristiche e a quelle del territorio circostante. Accanto al piacere di prendere parte a questa entusiasmante competizione, ci sarà l’opportunità di conoscere il Borgo più Bello d’Italia, tra le località più affascinanti a livello internazionale. Stiamo lavorando affinché Soave sia sempre più nota nel mondo, anche attraverso un binomio vincente come sport e turismo”.

“Vicenza sa stupire per la vita artistica, il patrimonio architettonico e la ricchezza culturale – afferma Leone Zilio, Assessore allo sport, ai grandi eventi e al Parco della Pace del Comune di Vicenza – Agli sportivi e appassionati che arriveranno in città o che seguiranno i Campionati mostreremo le nostre bellezze: sarà l’occasione per mettere in luce non solo i rinomati monumenti palladiani, ma anche le piazze, i vicoli, i portici e i ponti magari meno conosciuti ma altrettanto suggestivi e unici. Siamo certi resteranno incantati dal nostro territorio”.

LA NAZIONALE ITALIANA DEL CT RAUS

Proprio in questi giorni le Federazioni nazionali stanno ufficializzando le proprie convocazioni per i Campionati. Per l’Italia il CT FISO Stefano Raus ha già diramato l’elenco degli azzurri: Mattia Debertolis (U.S. Primiero), Anna Caglio e Marco Anselmo Di Stefano (Polisportiva Besanese), Annarita Scalzotto, Sebastian Inderst e Riccardo Scalet (PWT Italia), Caterina De Nardis, Francesco Mariani e Giacomo Zagonel (Polisportiva G. Masi), Mattia Scopel (ASD Fonzaso), Martina Palumbo (A.D. Trento Orienteering), Caterina Dallera (Polisportiva Punto Nord), Maddalena De Biasi e Jessica Lucchetta (Orienteering Tarzo ASD). Riserve: Edoardo Pellegrino Tecco (Pro Team Nord-Ovest ASD) e Nicole Riz (U.S. Primiero).

“Siamo pronti – commenta il CT Raus – a gareggiare contro i migliori atleti del panorama internazionale, i ragazzi stanno dimostrando notevole impegno dovendo alternare studio e lavoro alla carriera sportiva. Ci siamo preparati con campi di allenamento specifici in collaborazione con altri team nazionali, da cui abbiamo molto da imparare. Siamo una squadra giovane: per molti i Campionati saranno un’esperienza di altissimo livello, per altri un obiettivo da onorare al meglio. Vista la forte concorrenza, puntiamo a ottenere l’accesso alla finale Sprint a Verona e ai quarti di finale Knock-Out a Vicenza”.

In maglia azzurra la veneta Annarita Scalzotto: “Gli Europei sono l’evento focus della stagione – dichiara la 21enne originaria di Orgiano – Da più di un anno lavoro a questo obiettivo e, ora che mancano pochi giorni, mi sento pronta e in forma per affrontarlo. Ho aspettative rispetto alla mia performance ma so che, comunque vada, ho fatto il possibile per arrivare al meglio delle mie capacità. Non potrà che essere un’esperienza positiva e costruttiva. Essere arrivata fin qui è già motivo di grande soddisfazione. Insieme alla squadra dimostreremo il nostro potenziale. Non vedo l’ora di gareggiare!”

EOC TOUR: sport, territorio ed enogastronomia

Il programma della kermesse sarà reso ancora più coinvolgente dagli eventi promozionali dell’EOC Tour, tra divertimento, enogastronomia e musica, ospitati dai Comuni di Malcesine (1 ottobre), Torri del Benaco (2 ottobre), Lazise (3 ottobre), Verona (4 ottobre), Prada – Monte Baldo (5 ottobre) tra i Comuni di Brenzone sul Garda e San Zeno di Montagna, Soave (6 ottobre), Alonte (7 ottobre) e Vicenza (8 ottobre). Ogni data è accompagnata da momenti di esplorazione del territorio, come la navigazione del lago da Peschiera del Garda, sede dell’event center Camping Bella Italia o le visite al Parco Natura Viva di Bussolengo e alle cantine locali. Spettacolari la salita al Monte Baldo con la Funivia Malcesine – Monte Baldo e la Funivia Prada – Costabella, grazie alla collaborazione con PromoE20, e ad Alonte la camminata tra i vigneti di Prosecco del Consorzio Tutela Vini Colli Berici e Vicenza seguita da una degustazione.

RELATED ARTICLES

Most Popular