Banner alto

Banner alto

Al doppio Vertical Kilometer sul Monte Rosa successo di Maguet e Pessey

Condividi su:

Il primo doppio Vertical Kilometer sul Monte Rosa, la seconda montagna più alta d’Europa, è partito oggi tra tempeste, turbinii di nuvole e pesanti nevicate notturne per salire alla quota di 3.260 m. Uno sviluppo totale di 9 km e di 2080 m di dislivello in salita con partenza da Alagna Valsesia.

Nadir Maguet, vincitore del primo AMA VK2. ©iancorless.com

Il nuovo AMA VK2 ha visto 180 atleti da 15 Paesi riuniti nel piccolo paese di Alagna Valsesia, sul versante piemontese del massiccio, per gareggiare su 9 km e 2.080 m di dislivello positivo. Le difficili condizioni climatiche che hanno costretto a posporre la Monte Rosa Skymarathon la domenica, hanno lasciato uno spiraglio alle guide per permettere la partenza dell’AMA VK2.

Il primo a raggiungere la vetta è stato il venticinquenne valdostano Nadir Maguet, il favorito della vigilia, campione di VK e medaglia d’argento nella disciplina Sky ai Campionati del Mondo di Skyrunning del 2018 in Scozia, dietro solo a Kilian Jornet. In testa dall’inizio alla fine, ha lasciato 15’ di distacco al secondo classificato, Giovanni Bosio, chiudendo in 1h42’01”. Ottimo terzo è stato il 55enne Davide Milesi.

La leggenda dello skyrunning Mario Poletti non si è tirato indietro di fronte alla sfida. ©iancorless.com

Maguet ha commentato: «La neve non era il massimo…si scivolava un po’ verso la fine, ma il percorso è splendido, di vero skyrunning. Nonostante la nebbia e le nuvole c’era tantissima gente sul percorso e questo è stata una grande spinta. Nonostante sia solo alla prima edizione questa gara è già entrata subito nel cuore di tutti».

L’arrivo delle donne è stato lottatissimo, con le prime tre nello spazio di appena 50”. A trionfare la francese Iris Pessey in 2h05’36”. Con solo 13” di ritardo ha tagliato il traguardo Corinna Ghirardi, mentre Ilaria Veronese ha chiuso il podio.

Il podio femminile: Corinna Ghirardi, seconda, Iris Pessey, prima, e Ilaria Veronese. ©Monte Rosa SkyMarathon

Pessey, 27 anni, sciatrice di fondo e specialista dei vertical, ha detto «Dopo la partenza non sentivo benissimo le gambe, ma quando ho messo i ramponi ai piedi e ho toccato la neve, tutto è andato a posto e ho iniziato a spingere. Ho avuto un problema con il mio gps, quindi pensavo che l’arrivo fosse vicino, invece ero appena a metà! Ho spinto al massimo e ho rischiato di strafare, ma verso la fine ho trovato il ritmo. Non mi sarei mai aspettata di vincere, anche perché avrei dovuto fare la Skymarathon e ho fatto un cambio dell’ultimo minuto, ma mi è piaciuto così tanto che ho deciso di trovare una nuova partner e di fare la Skymarathon comunque». Una nuova e molto promettente stella è nata.

La francese Iris Pessey, trionfatrice dell’AMA VK2. ©iancorless.com

La detentrice del record della Monte Rosa Skymarathon Gisella Bendotti, 55 anni, non si è potuta allenare per la gara lunga (35 km e 7.000 m di dislivello complessivo), ma ha voluto comunque dare il proprio supporto all’evento partecipando all’AMA VK2, chiudendo con un incredibile 13° posto, a riprova del fatto che non ha perso smalto e nonostante l’età e il poco allenamento ha saputo mettersi alle spalle molte colleghe.

L’organizzatore di gara e Presidente del Comitato Organizzatore AMA, Manuel Gambarini, ha commentato «Grazie all’incessante lavoro di organizzatori, guide alpine, soccorso alpino e volontari siamo stati in grado di presentare un evento di successo in condizioni estremamente difficili. Voglio anche estendere il ringraziamento ai nostri sponsor Crazy, Eolo, Buff, Cimberio, Kratos, Ultimate Direction, Nortec e i media partner: iancorless.com, Radio Dee Jay e Montagna TV per il grande supporto!».

I sorrisi dei due vincitori Maguet e Pessey. ©Jan Nika

Risultati AMA VK2

Uomini
Nadir Maguet (ITA) – 1h42’01”
Giovanni Bosio (ITA) – 1h57’32”
Davide Milesi (ITA) – 1h58’06”
Andrew Barrington (GBR) – 1h58’38”
Marc Jenny (SUI) – 2h00’04”

Donne
Iris Pessey (FRA) – 2h05’36”
Corinna Ghirardi (ITA) – 2h05’49”
Ilaria Veronese (ITA) – 2h06’16”
Chiara Giovando (ITA) – 2h12’26”
Natalia Mastrota (ITA) – 2h16’48”

Lascia il tuo commento