Banner alto

Banner alto

Marco Zanchi (tornato da Chamonix) sale al sesto posto nella classifica dell’Ultra Trail World Tour

Condividi su:

Lasciata Chamonix dopo l’ottima prestazione all’Ultra Trail du Mont Blanc (leggi qui com’è andata l’UTMB 2016) dove è riuscito a scendere sotto il muro delle 24 ore, Marco Zanchi si ritrova sesto nel ranking mondiale. Quali sono i prossimi obiettivi dell’atleta bergamasco in forza al team Vibram?

24/08/2016 TDS Arte du Mont Favre © UTMB¨ - photo : Pascal Tournaire

24/08/2016 – TDS – Arte du Mont Favre – © UTMB – photo: Pascal Tournaire

«Rientro dall’Utmb con tantissima gioia – racconta l’atleta del team Vibram a Montagna Express -, è stata una gara dura e ricca di emozioni. Non avrei mai pensato di concludere 11esimo a ridosso della top 10, soprattutto per il livello altissimo degli atleti presenti. La corsa ha fatto la selezione, tantissimi i ritiri dei big, dovuti alle difficoltà legate al caldo e al ritmo altissimo imposto da Zach Miller sin dall’inizio. Ho cercato di mantenere il mio ritmo, senza mai esagerare, nemmeno quando venivo sorpassato nella prima metà della gara. Ho chiuso l’Utmb sotto le 24 ore come mi ero prefissato, un risultato ottenuto solo da altri due italiani nella storia. La cosa che mi rende più felice è aver guadagnato una posizione nella classifica dell’Ultra Trail World Tour, in questo momento mi trovo infatti sesto a pochissimi punti dalla quinta posizione. Ci tengo a ringraziare Stefano Punzo. Da qualche anno mi segue in queste avventure ed è essenziale nel gestire i miei ristori e nel motivarmi nei momenti difficili che si possono avere in una ultra trail. Ringrazio il team Vibram, che quest’anno mi ha nuovamente accolto nella sua famiglia. Un team fatto di persone eccezionali e da grandissimi atleti come Gediminas Grinius e Javi Dominguez che con la loro gioia e positività mi spingono a far sempre meglio e da uno staff impeccabile che cura ogni dettaglio delle nostre avventure. Ringrazio anche Gianni di Kratos che cura la mia alimentazione. Ora mi prendo un attimo di riposo e valuterò con la squadra se affrontare l’avventura Gran Raid de la Reunion (20-23 ottobre 2016), ultima gara dell’Ultra Trail World Tour».

Donatello Rota