Banner alto

Banner alto

Paolo Cecchetto e Roberta Amadeo protagonisti delle prime gare della Piacenza Paracycling

I due neo campioni italiani si impongono nella quinta edizione della gara ciclistica internazionale di Castel San Giovanni in provincia di Piacenza.

Piacenza_ciclismo_paracycling_2015__fasi di garaCastel San Giovanni (Pc), 4 luglio 2015 – La quinta edizione della Piacenza Paracycling, gara ciclistica internazionale di categoria C1, che animerà la Val Tidone per l’intero fine settimana, ha emesso i suoi primi verdetti con i risultati delle gare che si sono svolte in mattinata, disputate sul circuito cittadino di Castel San Giovanni, con protagoniste le categorie handbike e tricicli.

La più spettacolare tra le competizioni del mattino si è rivelata la categoria H3 maschile con il trionfo in volata del neo campione italiano Paolo Cecchetto (Team Equa), che proprio la scorsa settimana ha trionfato nei campionati nazionali a Pergine Valsugana (Trentino). Cecchetto, riconosciuto come la “chioccia” della nazionale italiana ha risolto la gara solo negli ultimi 300 metri avendo la meglio sull’altro italiano Saverio Di Bari (Sportabili Alba Onlus Asd). Da segnalare come nella categoria corresse anche l’irlandese Mark Rohan, ex campione del mondo e paralimpico nella categoria H2, che quest’anno si cimenta per la prima volta nella più performante H3. In campo femminile H3 successo agevole per la rappresentante della nazionale slovena Anka Vesel.

Piacenza_ciclismo_paracycling_2015__fasi di gara2Colpo di scena finale per la categoria H4, dove dopo una gara condotta tutta in prima posizione, il nazionale sloveno Marko Sevler ha dovuto lasciare spazio e vittoria all’austriaco Alexander Gritsch (Sportunion Tarrenz), che ha preceduto lo svizzero Athos Libanore e il lussemburghese Joel Wagener. Senza storia la categoria H5 dove ha spadroneggiato il super favorito ex paralimpico Fabrizio Bove dell’Anmil Sport Italia. Maglia tricolore sul gradino più alto del podio anche nella prima gara del mattino, dove assoluta protagonista si è rivelata la neo campionessa italiana Roberta Amadeo del Team MTB and Bike Bregnano, che ha imposto un ritmo vertiginoso già dai primi passaggi, trionfando nella categoria H2. Nella stessa classe in campo maschile il successo è andato a Igor Pieragostini del Team Equa.

Nella categoria degli H1 avvincente sfida tra Fabrizio Cornegliani del Team Equa che solo nell’ultimo giro è riuscito a distanziare il portacolori austriaco Ernst Bachmaier. Al Team Equa anche la vittoria nella competizione femminile con il successo di Luisa Pasini. L’instancabile atleta toscano Fabio Nari della Vc Sommese ha collezionato punti importanti nella classifica internazionale UCI che la competizione piacentina assegna, completando con un’ottima prestazione i 10 giri nella categoria Tricicli (T1).

piacenza_ciclismo_paracycling_2015__arrivo Roberta Amadeo e Cornegliani FabrizioGrande attesa per le competizioni nel settore fisici in programma nel pomeriggio, dove oltre a vedere in gara altri neo campioni italiani, c’è curiosità per testare il valore dei sempre più forti atleti russi e per rivedere in gara il venezuelano Victor Hugo Garrido, pluricampione del Mondo che iniziò la sua lunga serie di vittorie nella prima edizione della Piacenza Paracycling.

La Piacenza Paracycling è organizzata dal Pedale Castellano, in collaborazione con il Velosport Borgonovese e il supporto della Regione Emilia Romagna, della Provincia di Piacenza e delle amministrazioni comunali di Castel San Giovanni, Borgonovo e Sarmato, oltre alla partecipazione di molti partner e sponsor, tra cui Garbi ceramiche di Sarmato, la cui azienda sarà centro delle operazioni delle gare contro il tempo di domenica 5 luglio, l’Inail, il Coni Provinciale, il Cip, la Fondazione di Piacenza e Vigevano e la Camera di Commercio di Piacenza. La quinta edizione della gara piacentina, che ritorna dopo alcuni anni di assenza a causa della crisi economica, ha ottenuto quest’anno il patrocinio della Presidenza del Consiglio e di Expo 2015, ponendo le basi per tornare a imporsi tra le più importanti gare mondiali della disciplina paralimpica.

Piacenza_ciclismo_paracycling_2015__Cecchetto su Di BariPaolo Cecchetto (MH3): “Sono contento di questa vittoria. Nonostante il caldo è stata una bella gara, dove mi ero prefissato di giocarmela in volata e così è stato. Importante oltre al successo anche il fatto che nessuno si sia fatto male, visto che quattro anni fa ero caduto. Il percorso presenta una parte di curve veloci e alcune strette, da affrontare con cura, dosando il freno. Domani ci sarà la cronometro: speriamo di fare bene perché non mi dispiacerebbe vincere la combinata. Vediamo come staranno le braccia”.

Roberta Amadeo (WH2): “Sono soddisfatta per il risultato di oggi che arriva una settimana dopo la riconferma del titolo italiano. Gli organizzatori hanno avuto grande attenzione e sensibilità nel capire i problemi che le alte temperature previste avrebbero potuto causare, scegliendo l’orario ideale per la partenza della gara. Il percorso mi è piaciuto, molto veloce nonostante il breve tratto in pavé, che però è quasi normale in centro ed è stato bello vedere il pubblico lungo il tracciato”.

[smart-grid row_height=”150″ mobile_row_height=”150″ captions=”false” title=”false” share=”false”]

[/smart-grid]