Banner alto

Banner alto

World Series: sarà battaglia per i punti alla Matterhorn Ultraks

Condividi su:

L’atmosfera magica della Matterhorn Ultraks 46K ha ancora una volta richiamato atleti top internazionali proprio quando la lotta per la testa del ranking nelle Migu Run Skyrunner World Series 2017 si accende. Con sette gare su undici già completate, l’attesa per la gara di sabato 26 agosto è febbrile.

Martin Anthamatten, vincitore Matterhorn Ultraks 46K 2015. ©iancorless.com / SWS

Zermatt, Svizzera, location da cartolina è dove tutto succede: un percorso da 49 km che parte e inizia dal centro della città fino alla cima del Gornergrat – 3.600 m di dislivello positivo fino ad una quota di 3.100 m. Un paesaggio mozzafiato che si affaccia sul Ghiacciaio Grenz con i 4.000 a disegnare lo skyline. Tutto il tracciato si snoda ai piedi dell’iconico Cervino. La gara in campo maschile si preannuncia avvincente con i top tre del ranking Sky Classic a contendersi la prima posizione – un bonus del 20% sarà assegnato. Lo spagnolo Aritz Egea è l’attuale leader del ranking e si è piazzato terzo qui nel 2014 e 2015.

“Ho bisogno di fare punti e Ultraks è uno scenario splendido per farlo,” ha commentato Aritz. “Mi sto stancando fisicamente, ma mentalmente sono motivatissimo. Sarà una competizione fantastica!” L’italiano Marco De Gasperi, secondo in classifica, è pronto alla battaglia, raggiunto da alcuni atleti abituati a finire in top ten dal 2013: lo svizzero, proprio di Zermatt, Martin Anthamatten, vincitore 2015 e ambasciatore della gara, l’andorrano Marc Casal Mir, lo spagnolo Hassan Ait Chaou e lo svedese André Jonsson.

De Gasperi ha dichiarato, “Debuttare ad Ultraks a 40 anni, quando non pensavo fosse più possibile, è senz’altro un grande incentivo, anche se, a fine stagione, dopo molte gare medio-lunghe sulle Alpi inizio a sentire la fatica. Cercherò di fare del mio meglio al cospetto del Cervino e di fronte ai grandi avversari, cercando di mettere in cascina punti preziosi per il ranking. Inizialmente non era tra i miei obiettivi, ma è diventato importante!”

Altri talenti da tenere d’occhio, nelle prime posizioni degli altri ranking delle Migu Run Skyrunner World Series, sono: il britannico Jonathan Albon, i francesi Beñat Marmissolle e Aurélien Dunand-Pallaz e lo spagnolo Pere Aurell. In grandissima forma quest’anno è l’olandese Ragna Debats, attuale leader della Generale. “Sono in forma, quindi spero di fare una buona gara. Ci saranno atlete molto forti, ma ci sarò anch’io a lottare per la vittoria” ha affermato.

A contenderle il gradino più alto del podio sarà la spagnola Sheila Aviles, fresca vincitrice alla SkyRace Comapedrosa, attualmente in sesta posizione in classifica. La connazionale Paloma Lobera e Michaela Mertova dalla Repubblica Ceca puntano al podio. Infortuni, malattie e esaurimento da fine stagione sono responsabili per alcuni ritiri dell’ultimo minuto, tra cui Laura Sola, Aitziber Ibarbia, Maria Zorroza e la vincitrice 2016 Megan Kimmel, così come Ekaterina Mityaeva e Dmitry Mityaev per problemi di visto.

I record precedenti erano di Kilian Jornet, 4h43’05” nella prima edizione del 2013 e Stevie Kremer, 5h18’43” nel 2014. Con un piccolo cambio di percorso e l’aggiunta di un kilometro di gara, la sfida si fa più aperta. Si alza il sipario un altro evento di livello mondiale. Il centro di Zermatt si animerà sabato 26 agosto alle 7:30 del mattino per la partenza di più di 700 corridori da 39 Paesi. La gara è alla quinta edizione, fin dalla sua ideazione nelle Skyrunner World Series.