Banner alto

Banner alto

Intervista a Paola Sanna

Condividi su:

Bilancio di un anno appena passato e nuovi propositi per un 2013 iniziato molto bene, questo il pensiero di Paola Sanna nell’intervista rilasciata a Corribergamo.it. «Il 2012 per quanto mi riguarda è stato caratterizzato principalmente dal mio desiderio di tornare alle lunghe distanze. Dopo 2 anni e mezzo di gare corte e a solo un mese dalla decisione di tornare alle ultra, ho corso la 60 km del Trasimeno vincendo alla grande.

Questo risultato mi ha proiettato con molto entusiasmo e fiducia alla mia gara per eccellenza: il Passatore. Alla mia nona partecipazione e con soli tre mesi di preparazione, chiudo con un personale di sei minuti. Rientro così ufficialmente nelle ultramaratone e nella Nazionale di 100km».

Il 2013 per Paola è cominciato con la gara organizzata dalla sua società, i Runners Bergamo: «Non poteva che iniziare così il mio 2013, con la Mezza Maratona del Brembo, che secondo me acquista ancora più valore col nuovo percorso che non è più la somma di giri del bellissimo Parco Callioni, ma racchiude ben quattro paesi vicini facendo scoprire nuovi percorsi. Personalmente, essendo di Treviolo, trovo molto piacevole gareggiare dove mi alleno solitamente da sola, e questo mi dà una gran carica, tanto che chiudo alla terza posizione dietro due grandi atlete specializzate in questa distanza e soprattutto mi avvicino molto al mio personale. Ed essendo a inizio anno sono molto soddisfatta!!!»

L’obiettivo principale del 2013? «Sicuramente il Mondiale della 100 km, che si terrà a fine anno. Doveva essere in Corea, ora si attende il nome della nuova località perché loro hanno rinunciato. Poi non so ancora se penserò all’Europeo di aprile in Francia, oppure al Passatore. Il mio lavoro sarà l’ago della bilancia fra le due scelte! Per il resto ci saranno tutte le gare di contorno, dalle mezze ad altre ultramaratone di preparazione.»