Banner alto

Banner alto

Maratona del Cielo: sempre la prima domenica di luglio, dal 1994

Condividi su:
Iscrizioni aperte per la 24ª Maratona del Cielo. Medesimo format e un pizzico di internazionalità in più, per il campionato italiano marathon Fisky. Il fascino della kermesse orobica sul Sentiero 4 Luglio è infatti tornata a far sognare anche campioni stranieri che, nei loro programmi estivi, hanno inserito questa mitica maratona alpina. 

foto by Maurizio Torri

Mentre la macchina organizzativa della skymarathon del 4 Luglio sta già girando a pieni regimi, l’ufficio segreteria a Corteno Golgi (BS) ha già raccolto le prime adesioni. E come lo scorso anno, non si andrà oltre i 400 pettorali. «Il tetto massimo è voluto e tassativo al fine di garantire un servizio eccellente a ogni singolo concorrente – ha ammesso il patron della kermesse camuna Tom Bernardi -. Quest’anno la prova principe assegnerà il tricolore Fisky assoluto e di categoria, mentre la prova da 21 km sarà inserita nel circuito Lombardia Running».

In serbo vi è anche una bella novità: «Nella mattinata di domenica 7 luglio, mentre i big della specialità si misureranno sulla distanza di 42 e 21 km, proporremo una gara mini per i giovani – ha proseguito Bernardi -. Un bel modo per avvicinare le giovani leve al magico mondo della corsa in montagna e dello skyrunning. Su distanze e dislivelli disegnati ad hoc, apriremo le porte ai campioni di domani». Per il resto, medesimo copione con gli atleti sarà chiamati a confrontarsi con i propri limiti su un percorso altamente spettacolare fatto di single track, ripide salite, creste aeree e funamboliche discese.

foto by Maurizio Torri

E ancora una volta sarà caccia al record. Dopo che lo scorso anno un super Cristian Minoggio ha dimostrato “che si può fare”, cresce l’attesa per vedere chi riuscirà ad attaccare un primato griffato Mario Poletti che resiste dal lontano 2003. Da ricordare che alla Maratona del Cielo vi è anche un record al femminile da battere. Un record stabilito da Emanuela Brizio e che per il momento non è caduto nonostante gli attacchi di campionesse come Denisa Dragomir ed Elisa Desco.

MARATONA

La partenza della maratona è da Corteno centro (950 m slm) e l’arrivo a Santìcolo (900), con dislivello di ca. 2700 m in salita e ca. 2750 m in discesa. Il percorso, da Piazza Giovanni Venturini – Medaglia d’Oro davanti al municipio, una volta attraversato il centro storico, va dapprima su un tratto di strada ondulata in asfalto, lungo almeno 1 km, poi ancora su asfalto per ca. 2 km, in salita, fino al borgo di Sant’Antonio (1127). Da qui si continua a dx su sentiero in terra battuta e acciottolato, in salita moderata, per ulteriori circa 2 km, fino a raggiungere il Rifugio Alpini di Campovecchio (1310), dove ha inizio il Sentiero 4 Luglio vero e proprio (segnavia n. 7). C’è subito una ripida salita di 1 km fino al crinale di Premàlt, poi ulteriori 2 km in pendenza meno accentuata per raggiungere, con dislivello di 700 metri complessivo, lo Zappello dell’Asino (2026 m slm). Da qui il sentiero passa di nuovo dal crinale al versante e si caratterizza, oltre che per 6 km di continui saliscendi fino alla Val Rösa, che non fanno praticamente guadagnare quota, anche per un andamento quasi sempre trasversale al versante e dunque non del tutto agevole. A partire dall’ampio canale della Val Rösa si punta ora lungo la linea di massima pendenza e, su morene e terreno misto, si giunge dopo lunga salita a Passo Telènek (2642 m slm). Successivamente, attraverso un’impegnativa cresta, si guadagna Cima Sèllero (tetto della gara a 2744 m). Un’ardita discesa porta quindi a Passo Sèllero (2423) e poi, proseguendo per non difficili creste, tratti esposti, canalini e infine pezzi di vecchie mulattiere, passando per il BIVACCO DAVIDE (2645), si arriva al Piz Tri (2308). La discesa finale che porta a Santìcolo si snoda dapprima lungo mulattiere e sentieri, quindi su tratti di strada carrabile.

MEZZA MARATONA

Partenza da Corteno Golgi e arrivo a Santìcolo, con un dislivello complessivo in salita di 1500 m e 1550 in discesa. Il percorso è lo stesso della maratona per i primi 4 km ca. A Sant’Antonio si prende a sinistra in direzione Val Brandét, dapprima su ripido acciottolato, poi su strada sterrata in leggera salita, percorrendo praticamente tutta la valle. Poco prima di Malga Casazza, in loc. piazzale Bondone (1382) si gira di nuovo a sinistra su un bel sentiero che sale snodandosi in mezzo a boschi e pascoli, e arriva, dopo più di mille metri, al Passo Salina (2433), dove s’innesta nel Sentiero 4 Luglio . Da qui il tracciato è lo stesso della maratona.

Lascia il tuo commento